Rive: tutta la filiera del vino in un evento

L'applicazione della ricerca per la viticoltura del futuro: alla Fiera di Pordenone si terrà dal 12 al 14 dicembre la prima edizione della rassegna italiana rivolta all’intera filiera del vino, in contemporanea a Enotrend

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

rive-2017.png

Pordenone, 12-14 dicembre 2017

La prima edizione di Rive, la Rassegna internazionale di viticoltura ed enologia che si terrà alla Fiera di Pordenone dal 12 al 14 dicembre prossimi, è stata presentata a Roma lo scorso 3 aprile. In contemporanea con Rive è in programma Enotrend, un ricco programma di workshop e convegni.

Entrambe le iniziative sono coordinate da un comitato scientifico che vede nelle vesti di presidente uno dei massimi esperti al mondo di viticoltura e professore ordinario all'Università degli studi di Milano: Attilio Scienza. “Il futuro della viticoltura italiana - ha affermato Scienza - si gioca nell’applicazione concreta dei risultati della ricerca scientifica, che ci consente di reagire ai rischi dei mutamenti climatici e dare garanzie al consumatore sulla salubrità dei prodotti alimentari”.
 
L’innovazione genetica e la viticoltura di precisioneha spiegato Scienza - saranno tra i temi al centro della manifestazione. L’applicazione concreta della ricerca scientifica diventa così chiave di volta per riuscire a dare alla viticoltura italiana un nuovo futuro, che non sia rappresentato da vini da pochi centesimi alla bottiglia”. La ricetta, continua il professore, è “partire da una corretta interpretazione della tradizione, concentrando l’attenzione su due nodi cruciali della filiera vitivinicola: le conseguenze del cambiamento climatico e le attese del consumatore. Per esempio - ha continuato Scienza - il miglioramento della vite, grazie alla decriptazione del genoma, ha aperto una nuova era per l’ottenimento di vitigni resistenti alle malattie crittogamiche”.
 
Una visione rispettosa della tradizione e fiduciosa nell’innovazione scientifica ed è su questi principi che si è basata Pordenone Fiere Spa per organizzare la manifestazione, con l’obiettivo di contribuire al cambiamento di paradigma necessario per far crescere la competitività della viticoltura e dell’enologia italiana. “Rive - ha commentato Scienza - sarà l’intermediario ideale tra i due estremi: da una parte le proposte del mondo della ricerca, dall’altra le aspettative del mondo operativo”.

I temi di Rive 2017
La manifestazione internazionale aprirà le porte ad opportunità nuove in un settore trainante per l’economia nazionale. I temi di questa prima edizione:
  • Prosecco: dalla Glera al fenomeno mondiale;
  • la viticoltura 4.0 sostenibile: come la viticoltura di precisione e la ricerca genetica applicata possono contribuire alla sostenibilità del settore;
  • l’enologia moderna - focus sui nuovi lieviti;
  • leggi e regolamenti del settore vitivinicolo in Italia;
  • Pinot Grigio: esperienze e prospettive della nuova importante Doc.
Obiettivo di Rive è quello di offrire possibilità di sviluppo alle aziende di tutta la filiera del vino, dal campo alla cantina, e rappresenta un'occasione di supporto per l’industria di settore del Friuli Venezia Giulia e di tutta Italia.

Rive – ha commentato Pietro Piccinetti, amministratore delegato di Pordenone Fiere - è un evento verticale, che parte dalla pianta della vite, la barbatella, e dalla sua coltivazione, passando da macchinari, prodotti chimici, attrezzature per arrivare fino in cantina, attraverso presse, vinificatori, tini, botti, lieviti e altri prodotti per la fermentazione, l’imbottigliamento e l’etichettatura. Questa manifestazione – ha proseguito Piccinetti – è un progetto unico, che riunisce tutta la filiera di produzione in un solo evento, come succede in Francia per Vinitech o Sitevi. Si tratta di un appuntamento del tutto diverso dagli altri eventi di settore che si tengono in Italia e si propone di colmare un vuoto fieristico, realizzando la prima vera fiera verticale sulla coltivazione della vite e la produzione del vino”.

Il made in Italy del vino è un settore centrale per l’economia del Friuli Venezia Giulia e dell’Italia intera.
L’Italia è il primo Paese produttore di vino nel mondo e occupa la seconda posizione come esportatore per volume e per valore (2016). Il settore vitinicolo occupa 1 milione 300 mila addetti, e conta 1807 imprese industriali. A queste vanno aggiunte 50mila aziende vinificatrici, per un totale in Italia di circa 640 mila ettari di superficie vitata (dati Ismea).

I più coltivati tra i vitigni sono Sangiovese, Trebbiano, Montepulciano, Glera, Pinot Grigio e Merlot. La produzione nazionale totale del 2016 ammonta a circa 50 milioni di ettolitri, di cui quasi 21 milioni destinati all’export, per un valore di 5,6 miliardi di euro. Sul totale esportato, ben 14,1 milioni di ettolitri sono di vino a denominazione (Dop o Igp), con il Prosecco nettamente in testa con 2 milioni 648 mila 370 ettolitri.
L’Italia spicca inoltre nel vivaismo viticolo: il BelPaese è infatti il primo produttore nel mondo di barbatelle. Nel 2016, in Italia, sono state prodotte 169 milioni 586 mila 964 barbatelle, per un valore complessivo di 237.411.801 milioni di euro, Glera e Pinot Grigio in testa.
Si trova in Italia, in provincia di Pordenone, il più grande vivaio di barbatelle del mondo, i Vivai Rauscedo.
 
La prima edizione di Rive e l'attenzione che da subito ha riscosso confermano la dinamicità di Pordenone Fiere e la centralità del settore vitivinicolo regionale - ha commentato l'assessore regionale alle Risorse agricole e forestali del Friuli Venezia Giulia Cristiano Shaurli -. Un settore che certo eccelle per la qualità delle produzioni, ma che troppo spesso dimentichiamo essere punto di riferimento nazionale e non solo per l'intera filiera lunga del vitivinicolo: dal vivaismo, di cui come Friuli Venezia Giulia siamo leader mondiali per la produzione di barbatelle, alla tecnologia di cantina, fino alla ricerca e all'innovazione agronomica, genetica e tecnica, comunque figlia del grande investimento fatto sulla formazione superiore e universitaria. Tali settori – ha concluso l'assessore - hanno reso il Friuli Venezia Giulia e il Nord Est un vero laboratorio di innovazione a cui molti guardano e che in meno di due anni ha visto il riconoscimento della Doc Friuli, attesa da 40 anni, e della Doc interregionale delle Venezie”.

Leggi i dettagli di Rive e Enotrend

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.195 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner