Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

La concimazione del pomodoro da industria secondo Unimer

L'azienda mette a disposizione degli agricoltori una gamma di ammendanti e concimi organo-minerali di elevata qualità ad alto grado di umificazione per favorire il ripristino e la conservazione di adeguati livelli di sostanza organica umificata nel suolo e assicurare elevate rese quali-quantitative

Info aziende
pomodoro-da-industria-campo-by-mykola-mazuryk-fotolia-750.jpeg

Per la concimazione del pomodoro Unimer consiglia Superstallatico, Microlife e della linea Siapor Diablo S
Fonte foto: © Mykola Mazuryk - Fotolia

Un buon piano di concimazione necessita della conoscenza delle caratteristiche fisico-chimiche del terreno rilevabile solo effettuandone un'analisi completa.
Si dovrà valutare, oltre ai parametri fisico-chimici e la quantità di elementi nutritivi contenuti nel suolo, anche la loro disponibilità ed equilibrio nel complesso di scambio. Quest'ultimo parametro è influenzato positivamente dalla presenza di sostanza organica umificata che contribuisce a migliorare la disponibilità dei nutrienti per la pianta e a mantenere un elevato livello di attività microbiologica che favorisce il loro assorbimento. Purtroppo le pratiche legate all'intensivizzazione e specializzazione della moderna agricoltura, stanno favorendo l'impoverimento delle riserve di sostanza organica umificata nel suolo che dopo decenni di sfruttamento comincia a dare segni di stanchezza.

Proprio per favorire il ripristino e la conservazione di adeguati livelli di sostanza organica umificata, Unimer mette a disposizione degli agricoltori una gamma di ammendanti di elevata qualità ad alto grado di umificazione.

L'azienda, da decenni, produce e commercializza Superstallatico, ammendante a base di letame che viene compostato secondo uno standard industriale ottimizzato per ottenere un eccellente grado di maturazione con un alto contenuto in acidi umici, fulvici ed umine. Proprio questi componenti conferiscono al prodotto le capacità ammendanti aumentando la disponibilità degli elementi nutritivi, migliorando le caratteristiche fisico-chimiche del suolo e rivitalizzandone l'attività microbiologica.

Unimer produce anche Green Power un'ammendante torboso composto 100% organico vegetale anch'esso molto ricco di acidi umici, fulvici e umine e la linea Microlife, ammendanti a base di letame attivato microbiologicamente con ceppi selezionati di funghi e batteri promotori della crescita, adatti a rivitalizzare più velocemente i terreni stanchi, favorendo lo sviluppo di un utile microbioma rizosferico.

L'azienda sfrutta le caratteristiche positive della sostanza organica umificata anche per produrre i suoi concimi organo-minerali. Infatti la reazione delle matrici organiche altamente umificate con gli elementi nutritivi minerali conferisce ai concimi organo-minerali Unimer particolari doti di efficienza e azione nutritiva prolungata. Come si può vedere dalla tabella l'incremento della quota assimilabile nei concimi organo-minerali è notevole per tutti i macroelementi ma anche i mesoelementi ed i microelementi vengono resi maggiormente assimilabili dalla pianta.

La sostanza organica umificata offre diversi livelli di protezione agli elementi nutritivi contenuti nei formulati Unimer, consentendone una prolungata disponibilità che segue le necessità di alimentazione delle colture concimate e limita le perdite legate a lisciviazione, retrogradazione, volatilizzazione e insolubilizzazione. Inoltre favorisce l'attività microbiologica del suolo migliorando notevolmente la disponibilità dei nutrienti. Tutto questo si traduce in una maggiore resa agronomica delle unità fertilizzanti distribuite, che risponde all'esigenza di sostenibilità economica ed ambientale che la moderna agricoltura richiede, mantenendo, nel contempo, elevate rese quali-quantitative delle coltivazioni.
 

Il pomodoro, come la maggior parte delle specie orticole ed in particolare le solanacee e le cucurbitacee, è considerata una pianta potassofila. Il potassio, oltre a regolare la corretta traspirazione della pianta controllando il funzionamento delle aperture stomatiche, svolge numerose altre funzioni regolatrici che presiedono alla sintesi di zuccheri, di pigmenti e di numerose altre sostanze che incidono direttamente sulla qualità dei frutti.

Oltre al potassio, all'azoto e al fosforo, il pomodoro si avvantaggia di una buona disponibilità di calcio, elemento particolarmente importante nella costituzione delle membrane cellulari la cui carenza o difficoltà di assorbimento provoca la fisiopatia conosciuta come "marciume apicale" osservabile principalmente nelle tipologie a frutto allungato. Anche quando la sua carenza non raggiunge una gravità tale da manifestare la fisiopatia sopracitata, può comunque incidere negativamente sulla resistenza meccanica dei frutti alla manipolazione e conservazione, aumentando le perdite di produzione legate ai danneggiamenti dei frutti nelle fasi di raccolta meccanizzata e trasporto. Tra i microelementi non bisogna trascurare la disponibilità di boro, importante per una corretta impollinazione e per la traslocazione degli zuccheri nel frutto e del ferro che, stimolando l'attività fotosintetica, ne migliora le caratteristiche qualitative.

Per la concimazione di pre-semina o pre-trapianto del pomodoro da effettuarsi con i lavori preparatori del terreno, oltre a prevedere la distribuzione di ammendanti di alta qualità come Superstallatico e Microlife, Unimer consiglia l'impiego del concime organo-minerale della linea Siapor Diablo S, prodotto particolarmente indicato per la concimazione di colture orticole, in grado di soddisfare le principali esigenze in macro, meso e microelementi della coltura.
Diablo S contiene, infatti, alte quantità di azoto, fosforo, potassio e zolfo senza tralasciare calcio, boro e ferro che, protetti dall'azione della sostanza organica umificata, sono altamente disponibili per l'assorbimento da parte della pianta. Nelle coltivazioni che non prevedono la tecnica della fertirrigazione, bisogna intervenire con la concimazione azotata di copertura che deve essere effettuata, possibilmente con una sarchiatura, a inizio fioritura per soddisfare le notevoli esigenze azotate della coltura. Allo scopo Unimer consiglia l'impiego di Superazotek N32, concime organo-minerale azotato con zolfo che contiene tre differenti forme azotate per una cessione graduale e prolungata dell'elemento nutritivo in grado di coprire tutto il ciclo vegetativo della coltura. 
 
Diablo S e Super Azotek n32

Per chi utilizza la tecnica di coltivazione biologica. Unimer, per vocazione produttrice di concimi eco-compatibili, mette a disposizione dell'agricoltore una vasta gamma di prodotti certificati della linea BioUnimer tra i quali Bacchus concime NPK  da utilizzare nella concimazione di pre-semina o pre-trapianto da integrare con il concime organico azotato Endurance N8 per soddisfare le esigenze di azoto. Nei terreni calcarei o soggetti a clorosi ferrica è utile l'impiego di Microsol Ferromax concime organico NP ad alto contenuto di zolfo e ferro, con boro e zinco.
 
Concimi di Bio Unimer

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner