"La macchina agricola che vorrei": al via il contest

Parte il concorso a cura di Agia-Cia, FederUnacoma ed Itasf che chiama a raccolta gli studenti degli istituti agrari per sviluppare un prototipo di mezzo agricolo adatto alle aree interne d'Italia

giovani-donna-donne-tablet-agricoltura-digitale-by-budimir-jevtic-adobe-stock-750x500.jpeg

Le classi vincitrici del contest verranno premiate ad Eima 2021 (Foto di archivio)
Fonte foto: © Budimir Jevtic - Adobe Stock

Spesso gli agricoltori subiscono le conseguenze negative dell'isolamento e i giovani non sono adeguatamente valorizzati. Per cambiare le cose, l'Associazione dei giovani imprenditori agricoli Agia-Cia, la federazione dei costruttori di mezzi agricoli FederUnacoma e la Rete degli istituti agrari senza frontiere Itasf  propongono per la prima volta il contest nazionale "La macchina agricola che vorrei!" che - lanciato ad Eima Digital Preview 2020 - muove i primi passi tramite i webinar organizzati il 15 gennaio e il 15 febbraio 2021.

Il concorso a premi permette agli studenti maggiorenni - o minorenni, se autorizzati - delle scuole superiori a indirizzo agrario della Rete Itasf di lavorare insieme alla progettazione e alla realizzazione di un prototipo di veicolo agricolo che risponda alle esigenze delle zone interne dell'Italia, al centro anche del progetto "Il paese che vogliamo" di Agia-Cia. Si tratta di un'occasione preziosa per dare voce ai ragazzi offrendo loro una sfida concreta.
   

Come funziona il contest?

Le classi interessate a partecipare dovranno inviare un unico elaborato entro il 21 maggio 2021 alla sede di Agia a Roma o via e-mail all'indirizzo contest2021@agia.it. Si chiede di presentare un prodotto creativo e originale, che rappresenti un mezzo o un attrezzo mai visto prima e potenzialmente utile per le aree più isolate, ad una giuria di esperti designati dai promotori dell'iniziativa.

In seguito, la giuria selezionerà i migliori elaborati decretando i tre vincitori che verranno premiati alla prossima Eima - in programma a Bologna dal 19 al 23 ottobre 2021 - con 1.500, mille e 500 euro messi a disposizione da FederUnacoma.

Per supportare gli studenti e gli istituti nel lavoro di co-progettazione durante l'emergenza coronavirus, sono previsti webinar mensili organizzati con il contributo di tecnici, esperti e rappresentanti dell'associazione Agricoltura è Vita. Nel corso degli incontri verranno affrontati diversi temi: trattrici e attrezzature, macchine per la raccolta e il giardinaggio, elettronica applicata all'agricoltura e metodologie di progettazione.
 

Giovani, grandi risorse per l'agricoltura

Il concorso può davvero stimolare le idee e le abilità dei ragazzi. "Apprezziamo molto il contest dedicato alla meccanica e alla meccanizzazione agricola, grandi assenti negli attuali piani di studio dell’istruzione agraria" commenta Paola Adami, coordinatrice della Rete Itasf. "Tra l'altro, l'iniziativa ha già suscitato l'entusiasmo e l'impegno degli studenti e, speriamo, faccia riflettere le istituzioni scolastiche sulle reali esigenze dei giovani".

"Guardiamo con attenzione al superamento del gap tra scuola e lavoro" afferma Stefano Francia, presidente nazionale di Agia-Cia. "Con 'La macchina agricola che vorrei!' ribadiamo il nostro supporto a istituti e studenti in difficoltà a causa del Covid-19, manteniamo vivi i contatti e ci impegniamo affinché i ragazzi possano contare su iniziative adatte a loro. La pandemia non ci ferma nell'accogliere le sfide poste dall'innovazione, nel favorire la costruzione di comunità e nell'essere protagonisti del cambiamento".

Secondo il presidente di FederUnacoma Alessandro Malavolti, "il concorso apre una riflessione sulle zone interne e sui fabbisogni specifici di meccanizzazione molto interessante per le nostre imprese che - proiettate verso l'innovazione - investono in attività di ricerca volte a migliorare l'efficienza, la compatibilità ambientale, la sicurezza dei mezzi agricoli e ad intercettare nuove funzionalità e nuovi segmenti di mercato. A destare ancora più interesse è il fatto che i progetti vengono da studenti, capaci di unire la passione per l'agricoltura all'energia e alla fantasia tipiche dei giovani".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.720 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner