Kramp - Grene, l'unione fa la forza

Con quasi tredicimila ordini giornalieri in ventidue Paesi europei, i due marchi si preparano a diventare tra i più grandi fornitori e distributori europei di componenti e servizi per l'agricoltura

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fotocomunicatostampa.jpg

Sede Kramp a Varsseveld, Olanda
Fonte foto: Kramp

Unione di forze per Kramp e Grene, grandi distributori europei all'ingrosso di componenti e servizi per il settore agricolo.
Le due aziende, che si complementano a vicenda per quanto riguarda gamma e distribuzione geografica, grazie a fatturati pari a 625 milioni di euro e una presenza in ventidue paesi europei,  genereranno effetti sinergici significativi rinforzando la leadership in molti Paesi.

Negli ultimi dieci anni, Kramp si è traformata in una solida azienda orientata all'e-business adottando il concetto di 'one-stop-shopping' che le ha permesso di affermarsi nei mercati olandese, tedesco e belga e di consolidare la propria posizione in vari paesi europei.
Facendo propria la medesima filosofia, Grene ha penetrato i mercati scandinavi, dei paesi baltici e polacco. Da diversi anni, le due aziende formano una joint venture in Russia.

Le quasi 2.400 persone impiegate dai due grossisti non risentiranno della fusione. Il nuovo consorzio prevede di migliorare e consolidare le posizioni di mercato esistenti e di ampliare ulteriormente il proprio raggio di azione nei mercati orientali e del sud est asiatico; l'obiettivo di fatturato è pari a circa un miliardo di euro entro il 2017.

"Operiamo in un mercato frammentato - ha affermato Eddie Perdok, Ceo di Kramp - di cui siamo divenuti leader non solo grazie alle economie di scala delle nostre operazioni ma anche e soprattutto, per la qualità del servizio, le vendite online (e-business), l'assistenza tecnica e la consegna ai clienti la mattina successiva alla ricezione dell'ordine. Intendiamo consolidare la nostra posizione di leader per fornire il miglior servizio locale. In questo modo, saremo in grado di conservare la solidità finanziaria della nostra azienda".

I servizi che Kramp e Grene forniscono ai propri clienti, continueranno a essere gestiti a livello dei mercati locali, ciò che cambierà sarà soltanto un'offerta più ampia di componenti e accessori per i clienti di questi paesi

"Ci concentreremo principalmente sull'ampliamento della gamma dei prodotti e sugli acquisti - ha dichiarato Carsten Thygesen Ceo di Grene. I clienti non noteranno alcun cambiamento in seguito alla fusione delle nostre aziende, se non un miglioramento della gamma dei prodotti. La media attuale di quasi 13.000 ordini evasi giornalmente non deve essere in nessun modo compromessa. A tale scopo, saranno necessarie una rigorosa preparazione e la massima professionalità".

La fusione di Kramp e Grene - controllata da Schouw & Co, holding danese che investe nel settore industriale nazionale -  avverrà mediante uno scambio azionario. Gli attuali azionisti di Kramp, compresa NPM Capital attiva nel settore del private equity, conserveranno le proprie azioni e avranno una partecipazione combinata pari all'80 per cento della nuova azienda creata in seguito alla fusione. Lo scambio azionario consentirà di conservare la solidità finanziaria dell'azienda grazie a un coefficiente di solvibilità pari all'incirca al 40 per cento e a un debito finanziario modesto.

Non vi saranno cambiamenti nel management, entrambe le aziende saranno amministrate da un nuovo consiglio della holding costituito da Eddie Perdok - Ceo - e Hans Scholten - Cfo. Si prevede che la transazione verrà completata entro la fine dell'anno.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 182.989 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner