Garantiamoci un futuro: aumentiamo la riserva idrica

Il cambiamento climatico è un fatto indubitabile. Per il nostro Paese esiste l'assoluta necessità di un grande piano infrastrutturale per aumentare la riserva idrica

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

acqua-agricoltura-canale-by-naj-fotolia-750.jpeg

Per il nostro Paese esiste l'assoluta necessità di un grande piano infrastrutturale per aumentare la riserva idrica (Foto di archivio)
Fonte foto: © Naj - Fotolia

Possiamo discutere per decenni sulle cause del riscaldamento globale, possiamo struggerci dal senso di colpa oppure maledire le macchie solari - una cosa risulta comunque indubitabile: il riscaldamento c'è ed è sicuro che inciderà profondamente sulla vita del pianeta. Già oggi si sovrappongono eventi straordinari e da tregenda a tutte le latitudini: siccità e incendi boschivi in regioni da sempre ubertose, straordinari uragani o colpi di calore in aree nordiche, bombe d'acqua e grandinate di palloni da calcio dappertutto.

L'agricoltura cambia. In Inghilterra i vigneti coprono già 4mila ettari (c'erano fino a tutto il basso Medioevo), in Sicilia si sta provando con la canna da zucchero (che c'era ai tempi degli arabi), i russi mettono a coltivazione milioni di ettari di terreni una volta interessati dal permafrost. Secondo il prestigioso ente di ricerca europeo Ipcc, con 2 gradi di riscaldamento della temperatura media, i biomi agricoli si sposteranno verso Nord con la velocità fra i 25 e i 135 km ogni dieci anni.
Nel Sud della Germania si potranno allora coltivare le pesche e i vigneti sorpasseranno di gran lunga l'Elba e la Mosella. La resa del grano nei paesi del Sud Europa calerà invece del 12% - ma nei paesi del Nord aumenterà del 5%.

Alcuni ricercatori hanno già costruito modelli per prevedere la modifica dei valori fondiari da qui al 2100; per l'Italia c'è da toccare ferro (soprattutto al Sud). Il pippone soprascritto per ribadire, con oramai annuale regolarità, un'emergenza: bisogna costruire invasi, riserve idriche, piccoli e grandi bacini dove accumulare acqua da utilizzare nei periodi siccitosi. Periodi sempre più frequenti in cui le campagne entreranno in spaventosa competizione con i centri urbani.

Crisi che porterà gli speculatori alla ricerca spasmodica di guadagno, come sempre avviene per i beni rari: con buona pace dell'acqua pubblica (la privatizzazione e la finanziarizzazione sta avvenendo in California - peraltro interessata da enormi roghi forestali). Per il nostro Paese esiste l'assoluta necessità di un grande piano infrastrutturale per aumentare notevolmente (e anche velocemente) la riserva idrica.
Vi prego: fate girare questa ovvietà.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura frutticoltura siccità acqua cambiamenti climatici incendi boschivi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.545 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner