Limone di Siracusa Igp, si insedia il Comitato scientifico

Darà un contributo alle proposte di modifica del Disciplinare di produzione e sosterrà il Consorzio di tutela nel dibattito sulla riforma della normativa che disciplina l'attività di vigilanza, e di cui si discute il 25 maggio a Reggio Emilia, nell'assise dell'Aicig

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

comitato-scientifico20mag2018consorzio-tutela-limone-siracusa-igp.jpg

Da sinistra: Vincenzo Vacante, presidente del Comitato scientifico, Michele Salvatore Lonzi, presidente dell'ente, e Maria Antonietta Germanà, Salvatore Barbagallo e Silvio Santacroce, membri del Comitato
Fonte foto: © Consorzio tutela Limone di Siracusa Igp

Il 20 maggio 2018 a Siracusa si è insediato il Comitato scientifico del Consorzio di tutela del Limone di Siracusa Igp, che avrà la missione di formulare le proposte di modifica al disciplinare di produzione.
Lo rende noto un comunicato dell'ente di tutela.

Si tratta di un gruppo di lavoro di alto profilo. Il Comitato è presieduto da Vincenzo Vacante, punto di riferimento per il mondo accademico nel campo dell'entomologia, con cattedre negli atenei di Catania, Messina, Reggio Calabria e all'Università della Tuscia. Ed è altresì composto da: Maria Antonietta Germanà, docente di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree all'Università di Palermo, Salvatore Barbagallo, che insegna Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali all'Università di Catania e Silvio Santacroce, esperto di contrattualistica internazionale.

"Ho puntato molto sulla creazione di uno strumento di sviluppo come il Comitato scientifico - afferma Michele Salvatore Lonzi, presidente del Consorzio di tutela - perché credo che possa aiutare complessivamente il nostro comparto a rafforzarsi, sicuramente partendo da una lettura attenta del nostro Disciplinare di produzione, e cogliendo altresì le opportunità di progettazione comunitaria che si profileranno nel campo della ricerca scientifica".

Il Comitato sarà infatti investito del compito di mettere a punto le proposte di modifica del Disciplinare di produzione del Limone di Siracusa Igp, un iter complesso che coinvolge l'Unione, il ministero e la regione. Ma non solo, perché il panorama dei Consorzi di tutela italiano è prossimo a un giro di boa: l'impianto legislativo delle attività di vigilanza risale al 2000: "e il Consorzio di tutela del Limone di Siracusa Igp intende essere parte attiva del processo di evoluzione normativa che l'attende, e che sarà il cuore del dibattito in seno all'assemblea nazionale dell'Associazione italiana dei Consorzi di tutela di domani, 25 maggio, a Reggio Emilia", sottolinea Lonzi.

"Il Consiglio di amministrazione del Consorzio desidera fornire ai produttori agricoli un quadro più ammodernato e ai consumatori garanzie ancora maggiori, per rispondere meglio al contesto commerciale internazionale che si va progressivamente profilando fra l'Unione e i paesi terzi" afferma Gianluca Agati, direttore del Consorzio. "L'evoluzione della domanda di consumo di generi alimentari altererà in modo sempre più marcato gli impieghi di eccellenza del prodotto certificato nel campo della trasformazione; il Consorzio dispone degli strumenti necessari a regolamentare aspetti, ambiti e confini in un contesto profondamente mutato rispetto a vent'anni fa, quando fu redatto il primo Disciplinare di produzione del Limone di Siracusa".

"Il nostro neo-insediato gruppo di professionisti avrà l'ambizioso compito di anticipare i tempi, fornendo risposte chiare ed efficaci su tematiche urgenti come l'impiego e l'ottimizzazione delle risorse legate ai processi di produzione e di commercializzazione" conclude il presidente Lonzi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.256 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner