Piano formazione per il rilancio del Paese dopo la crisi

La Cia esprime parere favorevole sulle iniziative del Governo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

studenti.jpg

"Un piano condivisibile perché individua nella formazione una delle priorità per rilanciare il paese dopo la crisi. In esso si mettono in risalto i limiti dell'attuale sistema di formazione, basato su un approccio scolastico e burocratico, molto spesso non collegato con il mondo del lavoro e si tentano strade ispirate ad una maggiore concretezza e alla valorizzazione della formazione tecnico-professionale".
Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori sull'accordo firmato a Palazzo Chigi sulle "Linee guida per la formazione nel 2010". La Cia evidenzia soprattutto come elemento positivo il fatto che il patto tra governo, regioni e parti sociali valorizzi in modo adeguato il principio della sussidiarietà e il pieno coinvolgimento delle parti sociali nelle loro diverse configurazioni (associazioni di categoria e sindacati, enti bilaterali, fondi interprofessionali).
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.947 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner