Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Piante da frutto, nuove regole per la commercializzazione

Sarà possibile trattare anche varietà iscritte nei registri ufficiali degli altri Stati membri dell'Unione europea. All'interno la normativa completa e i collegamenti al Registro nazionale delle varietà

Matteo Giusti di Matteo Giusti

pesco-frutto-maturazione-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Piante da frutto, aperta la possibilità di commercializzare anche varietà iscritte in altri Stati Ue
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

Il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, con il decreto del 5 dicembre 2017, ha modificato le regole per la commercializzazione del materiale di propagazione delle piante da frutto, aumentando di fatto le possibilità di commercializzazione per i vivaisti.

Prima infatti, il decreto ministeriale n.29047 del 6 dicembre 2016, che contiene tutte le regole per la produzione, la moltiplicazione, la certificazione del materiale vivaistico per le piante da frutto, prevedeva che si potessero commercializzare solo le piante iscritte al Registro nazionale delle varietà.

Con la nuova modifica, che amplia un articolo del decreto 29047, si potranno commercializzare non solo piante iscritte al Registro nazionale italiano, ma anche le piante che sono iscritte in un registro ufficiale di un altro Stato membro dell'Unione europea.

I vivaisti italiani così possono liberamente trattare anche varietà non riconosciute in Italia, ovviamente sempre nel rispetto delle norme e delle certificazioni fitosanitarie previste sempre dal decreto ministeriale n.29047 che resta valido e in vigore.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: frutticoltura mercati leggi e decreti vivaismo

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner