Vite, resistere per competere

Lunedì 18 gennaio appuntamento a Udine: a Palazzo Wassermann, ore 11.00, la presentazione delle nuove varietà resistenti alle malattie, frutto della ricerca dell’Università di Udine e dell’Iga

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vite-vigneto-vigna-vino-viticoltura-vitivinicoltura-by-francescomou-fotolia.jpg

Udine, 18 gennaio, ore 11.00
Fonte foto: © francescomou - Fotolia

I primi dieci vitigni, cinque a bacca bianca e cinque a bacca rossa, resistenti alle malattie prodotti in Italia dai ricercatori dell’Università di Udine e dell’Istituto di Genomica applicata, Iga, di Udine, saranno presentati il prossimo lunedì 18 gennaio alle 11, a Palazzo Wassermann, in via Gemona 92 a Udine, alla presenza del delegato del ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Salvatore Parlato, e dell’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli.

Questi i nomi dei dieci nuovi vitigni resistenti alle malattie: Fleurtai, Soreli, Sauvignon Kretos, Sauvignon Nepis, Sauvignon Rytos, Cabernet Eidos, Cabernet Volos, Merlot Khorus, Merlot Kanthus, Julius, i primi cinque a bacca bianca, i secondi a bacca rossa. Le “magnifiche dieci”, come le chiamano i ricercatori udinesi, sono il frutto di 15 anni di lavoro di ricerca e di sinergia tra pubblico e privato. Il più grande vantaggio delle nuove varietà di viti sarà la possibilità di abbattere notevolmente i costi della viticoltura, grazie al risparmio sui trattamenti. Le caratteristiche dei vitigni saranno illustrate nel corso del convegno dal titolo “Resistere per competere: presentazione delle nuove varietà di vite”, che si aprirà con i saluti del rettore dell’Università di Udine, Alberto De Toni, e dell’assessore Cristiano Shaurli.

Tra i relatori del convegno vi saranno: Raffaele Testolin, che ripercorrerà la “Storia di un progetto di successo”; Francesco Miniussi che parlerà su “L’impegno della Regione Fvg”; Enrico Peterlunger su “Le nuove varietà di vite resistenti alle malattie”; Michele Morgante su “Il contributo della genetica”; Eugenio Sartori su “Il potenziale mercato e la valenza economica dei nuovi vitigni resistenti”. Salvatore Parlato trarrà le conclusioni. Seguirà, dalle 12.30, il buffet con la degustazione dei vini ottenuti dai nuovi vitigni.
 
L’iniziativa è stata sostenuta da: ministero delle Politiche agricole, Regione Fvg attraverso Friuli Innovazione, Fondazione Crup, Crt e Carigo, Federazione regionale delle banche di credito cooperativo, Eurotech, Vivai cooperativi di Rauscedo e da produttori come Livio Felluga, Marco Felluga, Venica & Venica, Pierluigi Zamò e il Consorzio del Collio.

Il progetto: oltre 15 anni di lavoro
Centinaia di incroci, decine di migliaia di piante valutate, oltre 500 micro-vinificazioni ripetute negli anni all’Unione italiana vini di Verona e i Vivai cooperativi di Rauscedo. Sono alcuni numeri del progetto congiunto di selezione di nuove varietà di vite resistenti alle malattie dell’Università di Udine e dell’Iga, avviato sin dal 1998 con lo scopo di ridurre l’utilizzo di agrofarmaci e rispondere alla situazione critica della viticoltura in Europa, attività agricola tra le più impattanti sull’ambiente, che, pur occupando soltanto il 3,3% della superficie agricola, utilizza ben il 65% di tutti i funghicidi impiegati in agricoltura. Gli incroci sono stati eseguiti all’Azienda agraria universitaria “Antonio Servadei” di Udine, dove a oggi si sono valutati oltre 24 mila piante derivanti da incrocio. I vitigni selezionati sono stati valutati dall’Università di Udine, in collaborazione con i Vivai cooperativi di Rauscedo, in impianti sperimentali a Fossalon di Grado (Go), in Toscana, nella zona del Chianti, e sul Collio sloveno. Nel 2015 c’è stata la copertura con brevetto europeo e internazionale delle nuove selezioni e l'inserimento delle nuove varietà nel registro nazionale italiano al ministero delle Politiche agricole. L’Università di Udine, inoltre, ha preparato la cessione dei diritti di moltiplicazione.
 
Vantaggi per i produttori
L’interesse dei produttori potrà essere enorme, non soltanto in Friuli Venezia Giulia, ma in tutta Italia, in Europa e negli altri Paesi a vocazione vitivinicola nel mondo. In viticoltura i costi di produzione sono elevati a causa dei molti interventi che richiede la difesa dei vigneti, e la disponibilità di varietà che non richiedono trattamenti è molto attraente.

Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.273 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner