Grano biologico in quantità e qualità

Per tutti i cerealicoltori, anche quelli che seguono disciplinari di produzione bio, Cifo propone Azomin e Sinergon 3000

Info aziende
agricoltore-campo-grano-agricoltura-by-jackfrog-adobe-stock-750.jpeg

Più grano, più bello, più buono
Fonte foto: © jackfrog - Adobe Stock

Obiettivo principale, incrementare lo sviluppo vegetativo migliorando le qualità dei raccolti attraverso l'effetto "Hormon like" per la formazione della spiga e l'azione antistress a favore delle colture. Il tutto, applicabile anche da chi segua disciplinari di produzione biologica.

Proprio in tal senso, nelle fasi di post-accestimento, di pre-fioritura e su foglia a bandiera la sinergia vincente proposta da Cifo è quella rappresentata da Azomin e Sinergon 3000. Grazie alle componenti naturali di entrambe i formulati e all'elevata concentrazione di aminoacidi e peptidi derivanti da un processo di idrolisi enzimatica, si ottengono sostanze biologicamente attive in grado di essere facilmente assimilabili dalle piante.

In particolare Azomin aiuta il grano a migliorare l'assimilazione degli elementi nutritivi, apporta azoto e carbonio organico utili per il grano in post-accestimento a garantire l'esigenza azotata della coltura. La sinergia si completa con Sinergon 3000, grazie alle componenti biologicamente attive che hanno permesso la registrazione come biostimolante ad azione specifica, aiuta il grano a superare con facilità i momenti di stress ambientali e fisiologici. In particolare, nel post-accestimento si aiuta la ripresa dell'attività fisiologica del grano dopo la fase invernale, mentre in pre-fioritura si migliora la formazione della spiga grazie all'azione "hormon like".

Infine, su foglia a bandiera si incrementa l'accumulo di proteine nella granella grazie ai peptidi e polipeptidi che lo compongono.


Consigli di impiego

Su grano coltivato in regime biologico, in post-accestimento e foglia a bandiera si suggerisce un utilizzo fogliare combinato di Azomin alla dose di 10 Kg/ha con Sinergon 3000 alla dose di 3 Kg/ha.

La combinazione dei due prodotti migliora l'assorbimento degli elementi nutritivi, incrementando lo sviluppo vegetativo e migliorando le caratteristiche qualitative delle produzioni.