Cimici asiatiche, appello della Fem: "Cercatele, ritiriamo noi"

Un invito rivolto al mondo agricolo e a tutta la cittadinanza trentina quello della Fondazione Edmund Mach per contribuire alla lotta contro l'insetto alieno

cimice-asiatica-fonte-c-salvadori-fem-ctt.jpg

La cimice asiatica, originaria della Cina, arreca danni alle colture, in particolare alle piante da frutto
Fonte foto: C. Salvadori, Fem Ctt

La Fondazione Edmund Mach chiede ai cittadini di contribuire alla raccolta delle cimici asiatiche, ad un anno dalla scorsa campagna di raccolta che ha permesso di arricchire gli allevamenti a San Michele con 25mila esemplari di cimici asiatiche e rilasciare in Trentino le vespe samurai.
 

Utilità della raccolta cimici

La cimice asiatica (Halyomorpha halys) è un insetto originario della Cina in grado di arrecare notevoli danni alle colture agrarie ed in modo particolare alle piante da frutto. Per il suo contenimento si rende necessaria l’introduzione del suo nemico naturale, la cosiddetta vespa samurai (Trissolcus japonicus), un parassitoide che attacca le uova della cimice dannosa contribuendo al controllo biologico. La vespina si riproduce a spese del suo ospite deponendo le proprie uova all'interno delle uova della cimice asiatica.

Le cimici asiatiche servono per riprodurre in laboratorio la vespa samurai e attuare per il secondo anno il programma di lotta biologica che consiste nell'immettere sul territorio questi insetti utili a contrastare la cimice, che sta creando notevoli danni all'agricoltura trentina.
Per riprodurre le vespine, che sono innocue per l'uomo, servono grandi quantità di uova di cimice asiatica ed è quindi fondamentale disporre di migliaia di esemplari per alimentare gli allevamenti.
 

Raccolta e conservazione delle cimici

In questo periodo le cimici si trovano ancora all’interno o nei pressi delle abitazioni, ma anche  negli orti e nei giardini, soprattutto nelle zone di campagna. I cittadini che trovano dieci o più cimici possono chiederne il ritiro da parte dei tecnici Fem, che avverrà rispettando scrupolosamente le misure per il contenimento del coronavirus.

Per questa operazione è stato attivato il numero telefonico 3316451211, a cui si può mandare messaggi WhatsApp, ma anche l'indirizzo mail monitoraggio.cimice@fmach.it dove è sufficiente  indicare il nominativo, indirizzo e il numero di cimici ritrovate.

I tecnici e ricercatori raccomandano di raccogliere le cimici vive in un contenitore pulito e asciutto, tappare il contenitore con un coperchio forato in modo che non sfuggano e contattare Fem per il ritiro il prima possibile, comunque entro un paio di giorni dalla cattura.
Vanno bene barattoli di conserve recuperati, per chiuderlo oltre al tappo si può usare un foglio di carta da cucina fissato con un elastico con all’interno della verdura (un fagiolino o un pezzo di carota) o frutta (un pezzo di mela).
 

Dati monitoraggio primo anno rilascio vespine samurai

Nel 2020 i dati dei monitoraggi post rilascio delle vespine hanno fatto rilevare un buon insediamento della vespa samurai, la cui presenza è stata riscontrata dopo i lanci nel 30% dei 20 siti trentini, un "risultato promettente" come hanno spiegato ricercatori e tecnici.
Per il secondo anno di rilasci si attende a breve l'autorizzazione del ministero dell'Ambiente ma intanto alla Fem si lavora per arrivare pronti all'operazione di immissione sul territorio.

Per maggiori informazioni sulla cimice asiatica visita questa pagina
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.450 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner