Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Perturbatori endocrini, Europarlamento contro Commissione. A rischio gli insetticidi Igr

Normativa europea

Il Parlamento europeo ha bocciato la proposta della Commissione europea sui criteri scientifici per l’individuazione dei perturbatori endocrini tra le sostanze ad attività fitosanitaria, così come erano usciti dalla riunione dello Standing committee on plants, animals, food and feed, sezione Pesticides/Legislation, tenutasi lo scorso 4 luglio a Bruxelles.

La pietra dello scandalo è la deroga inserita nella parte relativa agli organismi non bersaglio, che prevede che le sostanze con meccanismo di azione endocrino (tipicamente gli insetticidi regolatori di crescita, che sono intrinsecamente perturbatori endocrini) non vengano considerate perturbatori endocrini se questi effetti si manifestano solo sugli organismi appartenenti allo stesso phylum di quelli che si prefiggono di controllare.

Dal punto di vista formale il Parlamento Ue ha bocciato la proposta della commissione in quanto la deroga non è stata concordata tra i tre organismi decisionali Ue (Parlamento, Consiglio e Commissione stessa) ma andava discussa, dal punto di vista sostanziale forse estendere la deroga all’intero phylum è apparsa un po’ eccessiva.
Ricordiamo che nel caso dei prodotti interessati la deroga riguarderebbe il phylum degli artropodi, che spazia dagli aracnidi (quindi i ragni) ai crostacei (ad esempio i granchi) agli insetti, solo per citare alcuni esempi.
Ricordiamo inoltre che l’attuale legislazione Ue protegge gli artropodi non bersaglio imponendo ai titolari una rigidissima valutazione del rischio, ma nel caso dei perturbatori endocrini non è stato possibile convincere gli irremovibili dal concedere la possibilità di autorizzarli solo nel caso di esposizione trascurabile.

La situazione è estremamente incerta, in quanto il compromesso raggiunto dai “tecnici” il 4 luglio è stato ottenuto con 3 paesi contrari (pari al 5,12% della popolazione) e 4 astenuti (pari al 22,53% della popolazione). Gli attuali criteri provvisori non potranno essere mantenuti a lungo, in quanto c’è una sentenza che obbliga la Commissione a fissarli quanto prima e il 2019, anno di scadenza della legislatura, si sta avvicinando.

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi
  1. Dall'Ue i criteri per identificare i perturbatori endocrini nei fitosanitari
  2. Interferenti endocrini: il Parlamento blocca proposta che esenta alcuni pesticidi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy