Frutti molto profumati e dal sapore particolarissimo le nespole sono apportatrici di vitamina A, la vitamina che protegge i nostri occhi e la nostra pelle. Ricche di calcio e magnesio, sono uno spuntino perfetto per le donne nella fase premestruale. Il nespolo o Mespilus germanica è un albero da frutto, appartenente alla famiglia delle Rosaceae. La raccolta delle nespole avviene in autunno (all'incirca a fine ottobre-inizio novembre) mentre quella del nespolo giapponese in primavera-estate (tra aprile e giugno). La nespola tradizionale ha un sapore dolce acidulo e aromatico mentre quella giapponese più dolce. I valori nutrizionali della foto di copertina sono tratti da Crea - AlimentiNutrizione.

 

Proprietà nutrizionali

Le nespole sono frutti caratterizzati da un basso contenuto calorico e un carico glicemico ridotto dovuto alla presenza di una buona quantità di fibra, contenuta ovviamente anche nella loro buccia. Le nespole sono dei frutti con un sapore molto particolare, dolce ma con una nota acidula dovuta alla presenza di alcuni acidi organici, tra cui l'acido malico e l'acido citrico, che possono aiutare la digestione. Per cui questi frutti sono ottimi a fine pasto. Tra le proprietà nutrizionali spicca il contenuto di beta-carotene, precursore della vitamina A: un paio di frutti possono coprire un terzo o più del fabbisogno giornaliero di questa vitamina. La cottura delle nespole non danneggia questa vitamina. Le nespole sono ottime come ingrediente nelle insalate perché l'olio ne favorisce l'assorbimento. Molto ricche di calcio e magnesio, sono uno spuntino perfetto per le donne nella fase premestruale.

 

Vitamine
e minerali
Quantità
per porzione
Copertura fabbisogno
giornaliero*
Vitamina A 255 mcg retinolo equivalenti

42,5% per le donne

36,4% per gli uomini

Folati 21 mcg 5,2%
Potassio 375 mg 9,6%
Calcio 24 mg

2,4%

Magnesio 19,5 mg

8,1%

Fosforo 17 mg

2,4%

*Il dato del fabbisogno giornaliero è riferito a un adulto, rispetto al consumo di una porzione (150 grammi)
Fonti dati e tabella soprastante: Mipaaf, Crea - AlimentiNutrizione, National Library of Medicine - Pubmed
 

Nutraceutica - Effetti positivi sulla salute

Oltre ai carotenoidi le nespole contengono composti come luteina e zeaxantina, fondamentali per la protezione delle cellule dell'occhio soprattutto in relazione all'esposizione alla luce blu del computer. Le nespole sono ricchissime di numerosi composti bioattivi tra cui le quercitine, kaempferolo, acidi idrossicinnamici, acido caffeico, che esercitano attività antifiammatorie, riducono la formazione dei radicali liberi. Le ricerche scientifiche più recenti si stanno concentrando sull'efficacia degli estratti delle foglie del nespolo e più precisamente dell'acido ursolico, in relazione alla regolazione dei meccanismi che regolano i livelli di glucosio e insulina e quindi nel trattamento del diabete. Gli studi, molto promettenti, sono stati per ora condotti su modelli animali. Per risultati conclusivi dovremo aspettare studi sull'uomo, ma la ricchezza di composti potenzialmente benefici per la nostra salute, rende questi frutti oltre che buoni, ad alto potenziale nutraceutico.
 

Scegliere, conservare e consumare

Il colore e l'integrità della buccia delle nespole non sono un'indicazione di qualità o dolcezza, in quanto i frutti spesso con la buccia ammaccata sono buoni e dolci. Le nespole di buona qualità hanno una polpa dal profumo floreale e dalla consistenza soda e croccante e sono molto succose. Evitate sempre di comperare nespole di colore verde, o giallo molto pallido, perché hanno un sapore acido e astringente. È possibile conservare le nespole mature a temperatura ambiente per 3-4 giorni. Dopo averle acquistate o raccolte, lavatele accuratamente facendo attenzione a non danneggiare il frutto perché molto delicato; asciugatele e posizionatele in una ciotola in un luogo fresco e asciutto. Se le nespole sono acerbe, si conservano a temperatura ambiente per circa tre settimane. Per farle maturare più velocemente, possono essere avvolte nella carta per alimenti o messe vicino a delle mele. Se ne avete comperato una grande quantità lavatele bene, affettatele e riponetele in un sacchetto per alimenti: si conservano per circa un mese.

 
Le nespole sono molto nutrienti, poco caloriche e dal ridotto carico glicemico
Le nespole sono molto nutrienti, poco caloriche e dal ridotto carico glicemico: guarda tutte le varietà su Plantgest®
(Fonte foto: SP2Zsolt - Pixabay)
 

Suggerimenti per il consumo

Le nespole fresche sono deliziose sia se mangiate da sole o sia se aggiunte ad una macedonia insieme ad altri frutti. Sono buonissime anche cotte al forno con po' di burro e zucchero semolato, accompagnate da un cucchiaio di panna. Le nespole sono perfette per la preparazione di marmellate e possono essere utilizzate in ricette per torte e altri prodotti da forno. Il nostro consiglio è quello di utilizzarle anche come ingrediente nelle insalate per arricchirle di vitamina A e tanti composti bioattivi. Le nespole possono essere utilizzate per fare in casa il Nespolino, un liquore molto aromatico. Le foglie del nespolo possono essere utilizzate per la preparazione di tisane. Le foglie fresche vengono raccolte e raschiate sul lato inferiore, poi vengono essiccate: messe in infusione in acqua offrono un sapore gradevole e dolce.

 

La Nostra Ricetta

Torta Bakewell alle noci con nespole
Tempo di preparazione 1 ora e 15 minuti
Vi suggeriamo oggi una variante della Bakewell tart, un dolce inglese composto da un guscio di pasta frolla che contiene strati di confettura, crema frangipane e mandorle a scaglie. Una fetta di questa torta è ottima per una merenda in casa con una buona tazza di tè verde o dopo un'intensa attività fisica.

 

Per la pasta  frolla
260 g di farina integrale
70 g di zucchero di canna
1 uovo + 1 tuorlo
40 g olio di semi di girasole spremuto a freddo
40 g acqua
1 pizzico di sale

Panna da cucina q.b.

 

Per il ripieno
150 g di burro
175 g di zucchero semolato
4 uova di galline allevate all'aperto
175 g di noci tritate
110 g di pangrattato
300 g di marmellata/composta di visciole
6 noci divise a metà

 

Per le nespole arrosto
400 g di nespole 
50 g di burro
75 g di zucchero semolato
1 stecca di cannella

 

Preparazione

Preriscaldate il forno a 190 °C. Preparate la pasta frolla: in una ciotola riunite la farina, lo zucchero e un pizzico di sale. Fate la fontana e mettete al centro l'uovo intero e il tuorlo. Cominciate ad impastare con l'aiuto di una forchetta. Aggiungete l'olio e l'acqua e impastate velocemente formando un panetto. Questa pasta frolla può essere utilizzata subito. Foderate una tortiera di 23 centimetri con la pasta frolla, mettete un foglio di carta da forno sopra la pasta e appesantite con fagioli o riso. Trasferite in forno e cuocete per 15 minuti.
Rimuovete la carta e i fagioli dalla tortiera, rimettete in forno per altri dieci minuti fino a quando la pasta frolla non sarà leggermente dorata. Sfornate e lasciate raffreddare leggermente. Ripieno: mettete il burro e lo zucchero in una ciotola e sbattete insieme fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Rompete le uova, una alla volta, mescolando bene ad ogni aggiunta. Aggiungete metà delle noci tritate, il pangrattato e mescolate fino a quando non sono ben amalgamati. Spalmate due terzi della marmellata di visciole sul fondo della tortiera. Coprite con il composto di ripieno di noci e livellate la superficie con una spatola bagnata. Disponete le metà delle noci attorno al bordo del ripieno. Trasferite in forno e cuocete per 25-30 minuti, o fino a quando risulteranno ben dorati. Sfornate e lasciate raffreddare leggermente.
Nel frattempo, in una ciotola, montate la panna e incorporate la restante marmellata di visciole.

 

Per le nespole arrosto preriscaldate il forno a 200 °C. Scaldate il burro in una padella antiaderente e cuocete le nespole per 1-2 minuti. Aggiungete lo zucchero e la stecca di cannella, quindi trasferire la teglia in forno e cuocere per 10-15 minuti, o finché le nespole non saranno morbide e le bucce si saranno spaccate.

 

Per servire, tagliate la torta fette e disponetela sui piatti da portata con un cucchiaio di crema frangipane e con alcune nespole arrostite.

 

Valori nutrizionali per 1 porzione
Proteine 9,2 g
Lipidi  33,5 g
Carboidrati  64,4 g
Fibra totale  2,2 g
Energia  596 Kcal

 

 

In Italia nel 2021, in base ai dati Istat, sono stati coltivati 92 ettari di nespolo e 469 ettari di nespolo giapponese

In Italia nel 2021, in base ai dati Istat, sono stati coltivati 92 ettari di nespolo e 469 ettari di nespolo giapponese
(Fonte foto: beauty_of_nature - Pixabay)

 

Rimedi fitoterapici

Le differenti parti della pianta del nespolo, principalmente le foglie, sono da lungo tempo utilizzate nella medicina cinese. Le nespole sono coltivate in questo Paese da oltre duemila anni e alcune loro parti vengono usate per il trattamento della tosse, delle bronchiti croniche e anche per il diabete. Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato la presenza - negli estratti di foglie, del nocciolo e dei frutti - di numerosi composti ad attività antinfiammatoria e antitumorale: al momento questi studi sono stati condotti in vitro o su modelli animali. Le foglie di nespolo vengono utilizzate soprattutto nella produzione di cosmetici per un effetto curativo della pelle, grazie al contenuto in triterpenoidi, i quali svolgono un'attività di anti-melanogenesi, anti-acne, anti-scottature e anti-aging, stimolando la produzione di collagene e acido ialuronico.


Plantgest® è un marchio registrato da Image Line Srl Unipersonale

QdC® e Quaderno di Campagna® sono marchi registrati da Image Line Srl Unipersonale

 

Bibliografia

Mipaaf - Sai quel che mangi, qualità e benessere a tavola.

National Library of Medicine - Pubmed.
Crea - AlimentiNutrizione.
Guide to cultivated plant di ATG Elzebroek and K Wind, 2008.


La frutta e la verdura italiane rappresentano un elemento fondamentale della nostra cultura e di una dieta sana e sostenibile. La dieta mediterranea è uno stile alimentare che si basa proprio sul consumo prevalente di alimenti di origine vegetale. Quali sono gli aspetti nutrizionali e nutraceutici di questi prodotti? Come sceglierli, conservarli e consumarli? Queste sono solo alcune delle cose che potrete trovare nella rubrica "Ciboteca italiana, tutto quello che volete sapere sui prodotti ortofrutticoli made in Italy" realizzata da Image Line in collaborazione con Stefania Ruggeri (leggi la sua biografia): nutrizionista, docente universitaria, ricercatrice del Crea con diversi incarichi istituzionali nazionali e internazionali, scrittrice e divulgatrice. Ciboteca italiana si lega a TellyFood, nuovo progetto di Image Line che vuole raccontare la storia dei prodotti ortofrutticoli dal campo alla tavola. Uno strumento semplice, con due grandi obiettivi: premiare la qualità dei prodotti agroalimentari italiani e rendere la lista della spesa più trasparente, sicura, sostenibile, utile e in linea con le proprie passioni e i propri aspetti etici
Questo articolo fa parte delle collezioni: