Xylella, l'esperto dagli Usa: "Servono maggiori investimenti in ricerca"

Alexander Purcell, entomologo e docente di Scienze ambientali all'Università della California, è intervenuto durante un convegno dell'Associazione Luca Coscioni. Tra gli argomenti anche l'importanza delle cultivar resistenti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750.jpeg

Secondo il docente occorre puntare molto sulle cultivar resistenti, ma ne servono altre e di nuove per fronteggiare la batteriosi
Fonte foto: © Enrico Rovelli - Fotolia

Nel Politecnico di Bari, venerdì 4 ottobre, durante il congresso dell’Associazione Luca Coscioni “Fiera delle libertà”, la quattro giorni di incontri aperti al pubblico sui temi della libertà di scienza e delle libertà civili, ha preso la parola uno dei massimi esperti mondiali di Xylella, Alexander H. Purcell, entomologo e docente emerito di Scienze ambientali all’Università della California, a Berkeley. E ha espresso la sua opinione sulla situazione in Italia: servono più investimenti in ricerca per fermare la Xylella fastidiosa in Puglia, privilegiando l'emersione di sempre nuove cultivar resistenti. Altrimenti saranno dolori, perché la Xylella è imprevedibile.
 
“Gli insetticidi sono utili, ma da soli non sono la soluzione (per il diffondersi della malattia portata dagli insetti vettori Ndr). – ha affermato Purcell - La risposta scientifica alla Xylella è chiara. Esperimenti conclusivi hanno dimostrato che il genotipo di Xylella trovato negli ulivi malati causa questa malattia (il Complesso del disseccamento rapido dell’olivo). Il più ampio problema ecologico (o epidemiologico) è più difficile da gestire perché coinvolge non solo il batterio e gli olivi, ma anche i vettori, altre piante colonizzate da Xylella e tanti altri possibili fattori. Il problema non è solo la malattia dell'olivo, ma come raggiungere la cooperazione tra pubblico, coltivatori, governo a molti livelli e ricercatori per affrontare i problemi”.
 
“Guardando al passato, in Italia, la comunicazione tra governo, imprese, pubblico e scienziati avrebbe dovuto essere migliore per fornire dati atti e descrivere caratteristiche sconosciute della situazione che necessitavano di ulteriori ricerche " ha poi detto Purcell.

“La Xylella nei vigneti in California ha richiesto oltre 25 anni di intensi finanziamenti per la ricerca per avere finalmente vitigni resistenti e nuovi metodi di controllo molto promettenti - ha ricordato il ricercatore - L'Unione europea ha finanziato solo negli ultimi 5 anni importanti nuove ricerche e raccolta di dati sul campo. Quindi gli sforzi scientifici necessari sono appena iniziati e hanno ancora molta strada da fare”.
 
“La mia esperienza con Xylella è che è impossibile prevedere la traiettoria di un'epidemia in progresso, quindi la mia opinione non è preziosa, perché sono coinvolti tanti fattori, compresi quelli di cui non sappiamo ancora. – ha concluso Purcell - Devi prepararti al peggio e sperare nel meglio. Un efficace programma di gestione richiederà l'integrazione di numerosi metodi di controllo dei vettori e di riduzione del numero di vettori infetti, rimuovendo piante ospiti di Xylella su cui si essi si nutrono”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Associazione Luca Coscioni

Autore:

Tag: convegni ricerca insetticidi Xylella fastidiosa entomologia

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 210.132 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner