Vino, vola la promozione del made in Italy in Cina

La nuova campagna istituzionale di Ice e ministero dello Sviluppo economico puntano a una platea di almeno 230 milioni di cinesi nel primo anno. L'obiettivo è valorizzare il vino italiano sul mercato

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vino-bicchieri-rosso-rosato-bianco-by-anaumenko-fotolia-750.jpeg

Il vino italiano prova a sfondare in Cina
Fonte foto: © anaumenko - Fotolia

E' partito da un mese il nuovo piano lanciato da Agenzia Ice, Federvini, Uiv e Federdoc con l'obiettivo di promuovere il vino italiano in Cina, mercato dalle enormi potenzialità ancora parzialmente inespresse.
L'iniziativa, finanziata dal programma promozionale del ministero dello Sviluppo economico, punta sul concept "Italian wine: taste the passion", tradotto poi successivamente in codici "China friendly".

Fra i punti di forza messi in mostra, l'Italia viene presentata come il primo paese produttore di vino, con la più importante e vasta offerta di varietà quantitativamente e qualitativamente rilevante. Nel primo mese i risultati sembrano più che soddisfacenti, con 78 milioni di contatti raggiunti, di cui oltre 44 in multichannel e 33 milioni sotto forma di viewer che avevano seguito l'evento di lancio a Pechino lo scorso 6 settembre.

La campagna messa in campo dall'Istituto per il Commercio estero è però ben più ambiziosa; l'obiettivo è quello di raggiungere in un anno almeno 230 milioni di ragazzi cinesi, fra millennials e wine lovers.
A questa campagna di tipo mediatico sono associate poi alcune azioni promosse sempre dall'Ice in Cina, come la formazione di oltre 500 esperti cinesi di vino italiano in quattordici città. In secondo luogo molto importante anche l'azione di promozione delle vendite, attuato tramite l'accordo con la catena Cofco per lo sviluppo di 150 stores fisici e sulle relative piattaforme ecommerce su Tmall e Jd.com.

Il piano si inserisce in un contesto già comunque favorevole per il vino italiano, che potrebbe essere minato dal rallentamento della domanda per effetto delle guerre commerciali in corso. Nei primi sei mesi del 2018 il vino made in Italy è quello che è cresciuto di più in valore (+14,75%), rispetto a competitor come Francia (+0,24%) e Spagna (-5,56%). L'obiettivo è crescere sempre di più, e l'iniziativa congiunta di Ice, Mise con Federdoc, Federvini e Uiv va proprio in questa direzione.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino viticoltura import/export mercati made in italy e-commerce vitivinicoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.679 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner