A Roma gli studenti fanno lezione sul tetto

Il Liceo scientifico di Roma Keplero ha installato sul tetto della scuola una copertura verde in cui gli studenti possono sperimentare quello che hanno imparato sui libri

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

liceo-keplero-green-roof.jpg

Gli studenti del Liceo Keplero, insieme al professore Roberto Casalini, sul green roof
Fonte foto: KepleroGarden

Epicuro faceva lezione passeggiando in giardino, gli studenti del Liceo scientifico Keplero di Roma fanno lo stesso, ma sul tetto della scuola. Questa estate l'istituto ha creato un green roof, un tetto verde, sul quale un gruppo di trenta ragazzi mette in pratica quello che ha studiato sui libri di scuola, ma non solo.

"I tetti verdi sono stati l'oggetto del mio dottorato. Un giorno ho pensato che sarebbe stato bello realizzare in concreto quello che avevo imparato e condividerlo con gli studenti", spiega ad AgroNotizie Roberto Casalini, il professore del Liceo Keplero animatore del progetto.
"Ne ho parlato con la preside, Maria Concetta Di Spigno, che ne è stata entusiasta. Abbiamo partecipato ad un concorso del ministero dell'Istruzione sul recupero di spazi inutilizzati e la riqualificazione ambientale degli edifici scolastici. Concorso che abbiamo vinto e questa estate sono iniziati i lavori di copertura, i primi del genere in una scuola italiana".

Professore, il tetto verde è solo un prato dove i ragazzi possono prendere il sole o svolgete attività didattiche?
"Niente relax sul tetto verde, anche perché non è calpestabile. I ragazzi possono toccare con mano quello che leggono sui libri in classe. Ma facciamo anche ricerca, stiamo infatti studiando quali piante hanno le performance migliori nella copertura degli edifici".

Ci può spiegare meglio?
"I tetti verdi di tutto il mondo vengono realizzati con i sedum, che sono piante molto resistenti, con una crescita lenta e costante, ma da un punto di vista ecologico non sono l'optimum. Noi vorremmo ricreare un prato arido mediterraneo, che richiami insetti e altri animali, incrementando la biodiversità urbana".

Siete alla ricerca della pianta perfetta per i tetti degli edifici?
"Esatto. Abbiamo selezionato sei piante della flora mediterranea (Allium schenoprasum, Cerastium tomentosum, Teucrium chamaedrys, Thymus serpillum, Saponaria ocymoides, Lavandula stoechas) a cui abbiamo applicato tre regimi irrigui differenti.
In questo modo possiamo individuare quali sono le specie che hanno le migliori performance con il minor dispendio di risorsa idrica. Valutiamo parametri quali la produzione di biomassa, la capacità di trattenere acqua dopo una pioggia, ma anche la capacità di isolare il tetto".


Come sono stati scelti i ragazzi per partecipare al progetto green roof?
"Da un paio di anni gestisco a scuola un orto didattico insieme ad una trentina di ragazzi. In questo lasso di tempo hanno acquisito le competenze per lavorare al tetto verde durante alcuni pomeriggi".

Com'è percepito il mondo dell'agricoltura dai ragazzi?
"All'inizio la cosa faceva sorridere e gli studenti che lavoravano con me si definivano 'zappatori'. Ora che il progetto è cresciuto e ha dimostrato di avere un suo valore scientifico e didattico, anche la percezione nei ragazzi è cambiata. E anche se nessuno fino ad ora ha espresso la volontà di andare a studiare agraria, diversi potrebbero scegliere biologia".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione giovani interviste ambiente scuole orti urbani agricoltura urbana

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.759 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner