Sviluppo rurale Ue, priorità a crescita verde e promozione

Sono le richieste avanzate da Paolo Bruni, presidente del Cogeca, alla presidenza europea durante il Consiglio dei ministri agricoli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Bruni Fedagri.jpg

Paolo Bruni, presidente Cogeca

In occasione dell'ultima sessione annuale del Consiglio dei ministri agricoli dell'Unione europea, Paolo Bruni presidente di Cogeca ha incontrato questa mattina a Bruxelles la presidenza di turno polacca.

In merito alla proposta di regolamento sullo Sviluppo rurale, Bruni ha precisato: "Registriamo con soddisfazione l'introduzione di alcuni elementi positivi, come il passaggio da un approccio per assi ad uno tematico e la rimozione delle soglie dimensionali per l'accesso al sostegno in materia di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Guardiamo inoltre con grande interesse alle proposte relative alla gestione del rischio in agricoltura, che costituiranno inevitabilmente un elemento centrale della futura politica agricola".

"Riteniamo tuttavia - ha aggiunto Bruni - che per raccogliere le nuove sfide affidate alla nostra agricoltura servano misure più coraggiose, in grado di conciliare incentivi per la competitività con un ulteriore rafforzamento della protezione ambientale, tramite quella che noi definiamo crescita verde".

In ordine al libro verde sulla promozione dei prodotti agricoli, il presidente di Cogeca ha affermato di "Ritenere necessario un approccio più ambizioso per accompagnare le imprese e cooperative agricole sui mercati mondiali, sia in termini di una maggiore dotazione finanziaria che attraverso l'introduzione di misure innovative come l'uso dei marchi sviluppati dalle nostre strutture per valorizzare i loro prodotti".

Bruni ha infine ringraziato la presidenza polacca, sottolineando "La continua e fruttuosa collaborazione dimostrata durante il secondo semestre del 2011".

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.271 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner