L’acqua: il mangime più importante per i giovani vitelli

Fresca, pulita e a volontà: è la regola d’oro di Sprayfo per ottenere i migliori risultati durante lo svezzamento. La scarsa qualità di questo importante elemento ha un’influenza negativa sulla crescita e la salute degli animali

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sloten-acqua-vitelli.jpg

Sprayfo: il fabbisogno giornaliero di acqua del vitello è pari al 10% del suo peso corporeo

Un vitello deve sempre avere sufficiente acqua fresca e pulita a sua disposizione. Se questa è insufficiente o addirittura non disponibile, l’assunzione di cibo diminuisce notevolmente. Il corpo è costituito per l’80% di acqua e Sprayfo ricorda che questo elemento svolge un ruolo significativo in tutti gli importanti processi fisiologici del vitello. La disponibilità di acqua è fondamentale per i giovani animali perché la loro richiesta di acqua per kg di peso vivo è superiore rispetto a quella degli animali più vecchi; il fabbisogno giornaliero di acqua del vitello è pari al 10% del suo peso corporeo. I vitelli generalmente perdono 0,5-0,8 litri di liquidi al giorno attraverso l’urina e le feci e se il vitello ha la diarrea la perdita di acqua può arrivare a 3 l/giorno.

La quantità di acqua giornaliera assunta dipende dalla temperatura ambientale, di seguito i consumi indicativi di acqua per ogni kg di mangime assunto:


Acqua a volontà: maggiore assunzione di mangime, più crescita, più sviluppo
Una ricerca (fatta nella stalla sperimentale di Sprayfo), mostra che durante lo svezzamento, l’assunzione di fieno e concentrati è maggiore se l’acqua è liberamente disponibile. I vitelli devono essere in grado di localizzare rapidamente e raggiungere facilmente l’acqua; inoltre, con l'acqua a volontà vi è un migliore sviluppo del rumine:


Fare attenzione con l’acqua di sorgente
Agli allevatori che utilizzano acqua di sorgente, si consiglia vivamente di verificare la qualità delle acque almeno tre-quattro volte all’anno.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.640 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner