Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Viticoltura, difesa alternativa grazie all'ozono

Centri di ricerca e aziende stanno studiando il modo di utilizzare l'ozono per proteggere le viti (ma non solo) dai patogeni. Una soluzione efficace, ma ancora poco pratica

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

vite-vigneto-vigna-vino-viticoltura-vitivinicoltura-by-francescomou-fotolia.jpg

L'ozono può essere usato per la sanificazione delle viti
Fonte foto: © francescomou - Fotolia

L'ozono è un gas instabile con un alto potere ossidante. E' in grado di distruggere in pochi secondi i microrganismi con cui viene a contatto, che siano batteri, funghi o virus. Per questo suo potere biocida viene guardato con molto interesse da chi è in cerca di una alternativa ai prodotti convenzionali per la difesa della vite (e non solo). Il grande pregio dell'ozono è quello di essere un gas naturale, che si trova in atmosfera e non lascia alcun tipo di residuo sulle colture. Ma accanto a questi aspetti positivi ci sono alcuni punti negativi che lo rendono uno strumento ancora non utilizzabile dalle aziende agricole.

L'ozono è un gas composto tra tre molecole di ossigeno legate tra di loro. Si forma in natura durante i temporali, quando i fulmini forniscono l'energia necessaria alla creazione della molecola. L'ozono tuttavia è altamente instabile (per questo non è possibile stoccarlo in bombole) e in poco tempo si scompone in ossigeno. Durante la sua breve vita tuttavia ha un alto potere ossidante che permette di distruggere ogni microrganismo che incontra.

Dell'uso di ozono in agricoltura avevamo parlato in questo articolo dedicato alla sanificazione delle uve in appassimento. Ma le applicazioni potrebbero spingersi oltre arrivando direttamente in campo. Sono infatti allo studio atomizzatori in grado di irrorare le colture con acqua ozonizzata, una miscela cioè di acqua e ozono (1-4 mg/litro).

Come detto l'ozono è un gas instabile e per questo deve essere prodotto poco prima dell'uso. Esistono macchine portatili (costose e pesanti) per la produzione in loco. In sintesi l'ossigeno atmosferico viene separato dall'azoto e trasformato in ozono attraverso scariche elettriche. Il gas viene poi miscelato con l'acqua che viene irrorata sulla coltura o anche iniettata all'interno del terreno per la sanificazione dello stesso.

Uno degli aspetti positivi è l'efficacia: l'ozono è in grado di sanificare le colture uccidendo qualunque microrganismo con cui viene in contatto. Anche se in pieno campo, rispetto ad ambienti controllati, il controllo dei patogeni è variabile. Essendo un gas instabile non lascia residui sulle colture ed è possibile procedere alla raccolta subito dopo l'applicazione.

Infine non ha alcun impatto ambientale, visto che è un gas già presente in natura. In un quadro normativo che vede crescere i limiti all'uso degli agrofarmaci, una alternativa così versatile è sicuramente da tenere in considerazione. Inoltre, agendo per via ossidativa, non può generare resistenze nei patogeni.

Fin qui gli aspetti positivi. Quelli negativi non sono pochi. Prima di tutto il costo. A differenza dell'agrofarmaco, che necessita solo di un atomizzatore per essere applicato, l'ozono ha bisogno di attrezzature ben più complesse e costose. Allo stato attuale è impensabile che un agricoltore si possa dotare dei macchinari necessari e dovrebbe affidarsi ai contoterzisti.

Il secondo grande problema è la non persistenza dell'ozono. Una volta irrorato scompare in pochi minuti lasciando le piante, benché sanificate, alla mercé dei patogeni. In una coltura come quella della vite servirebbero dunque molti interventi in campo per proteggere le piante. Nel caso della peronospora ad ogni poggia bisognerebbe entrare in vigna, con costi e logistiche non sostenibili. Il tutto senza contare che ad oggi l'uso dell'ozono in agricoltura non è ancora normato, mentre è disciplinata la sua applicazione nelle fasi di post-raccolta.

Oltre che in viticoltura, l'uso dell'ozono potrebbe estendersi alle altre colture di valore, come le orticole. In Spagna sono stati fatti dei test nella sanificazione del terreno da nematodi e funghi. I risultati sembrano essere incoraggianti, anche se dopo il trattamento è necessario distribuire sul terreno microrganismi utili che colonizzino il suolo per evitare che nuovi patogeni si installino e prendano il sopravvento. Ma test sono in corso anche per la difesa di pomodoro, melone e anguria.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agrofarmaci viticoltura innovazione peronospora vite oidio

Rubrica: AgroInnovAzione

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 17 maggio a 139.528 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy