Il turismo tra i comuni italiani della nocciola

La grande diffusione agricola della nocciola, nella nostra penisola, è ancestrale e la biodiversità espressa è incalcolabile

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

nocciole-nocciola-by-grafvision-fotolia-750x500.jpeg

Tre le denominazioni d'origine europee già concesse al nostro paese
Fonte foto: © Grafvision - Fotolia

Sono stato “iniziato” al mondo della nocciola un paio di anni fa da quel pozzo di scienza di giornalista gourmand che è Gigi Padovani. E ho potuto scoprire l’incredibile numero di comuni italiani la cui economia è legata a questa pianta: 215. 

L’Italia è infatti il secondo produttore mondiale (dopo la Turchia) del prezioso frutto, con una produzione annuale che oltrepassa le 130mila tonnellate. La nostra produzione però non basta e per alimentare la nostra industria dolciaria specializzata ci troviamo ad importare grandi quantitativi di prodotto - talora di qualità dubbia - dall’estero.

La grande diffusione agricola della nocciola nella nostra penisola è ancestrale e la biodiversità espressa è incalcolabile, con un numero di varietà rilevantissimo che va poi a comporre anche le tre denominazioni d’origine europee già concesse al nostro paese.

Non mi stanco di segnalare questo settore per almeno due ragioni. La prima è che per la nostra agricoltura occorre occupare le così dette “finestre” di importazione, ovvero cercare di limitare l'importazione di beni che possono invece dare un adeguato valore aggiunto ai produttori e ai trasformatori (e tanto meglio se le due figure coincidono). La nocciola come ben sappiamo può essere trasformata in dolci e soprattutto in creme sia industriali sia artigianali: in quest’ultimo caso vi posso garantire che l'esperienza di degustazione di creme alla nocciola fabbricate da agricoltori-pasticceri l’anno scorso fu per me un'esperienza quasi mistica.
In secondo luogo, bisogna ricordare che la nocciola, come tante altre produzioni tipiche, può essere il perno di un'attività di marketing territoriale per valorizzare tanti piccoli borghi anche dal punto di vista turistico.
Ne è la testimonianza la rimarchevole attività della associazione delle Città della Nocciola (condotta, va doverosamente ricordato, dagli infaticabili Rosario D’Acunto e Irma Brizi).

Un turismo slow che vedrete, anche complice la pandemia, svilupperà non poco nei prossimi anni.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: import/export biodiversità frutta in guscio marchi di tutela

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 266.241 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner