Uva da tavola, verso il congresso nazionale

Appuntamento a Conversano (Ba), venerdì 1 febbraio. Presiederà l'incontro il ricercatore Mario Colapietra

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

20110728-colapietra-uva-da-tavola-in-italia-01.jpg

Conversano (Ba), venerdì 1 febbraio 2013

Venerdì 1 febbraio si terrà al Centro congressi "Grand'Hotel D'Aragona" di Conversano (Ba) la 16ma edizione del Congresso nazionale di uva da tavola, 12ma edizione internazionale.

L'evento è organizzato dal ricercatore Mario Colapietra in collaborazione con L'Informatore Agrario, con il contributo di Syngenta Crop Protection, AlzChem, Eiffel, Aniplast e Vegetable Linea Agricoltura.

Nel corso dell'incontro, presieduto dal ricercatore Mario Colapietra, saranno esposte relazioni che tratteranno argomenti quali la frutticoltura meridionale, la legislazione, l'irrigazione, i fitoregolatori, la protezione dei vigneti, consumi e censimento, il bilancio fitosanitario e la commercializzazione. Saranno inoltre discussi i risultati delle ricerche, delle tecniche colturali adottate, della commercializzazione dell'annata precedente e di quanto adottare per quella in corso.
Spazio sarà dato alle aziende che forniranno consigli ai presenti nell'ambito della protezione dei vigneti, della fertilizzazione, della difesa dai parassiti e dei fitoregolatori.

Non mancheranno i premi: saranno infatti consegnate la "Targa Bacca d'oro"  2013 e le "Targhe d'argento" 2013; a condurre le premiazioni sarà il giornalista Rai Tito Manlio Altomare.

La “Targa Bacca D’Oro” è conferita con una cerimonia ufficiale a coloro che si sono particolarmente distinti per il progresso dell’uva da tavola in Italia e nel mondo.  La “Bacca D’Oro” è un acino di uva da tavola senza semi. Rappresenta l’innovazione per il comparto dell’uva da tavola e i cambiamenti in atto nei vigneti italiani per riconvertire parte delle cultivar con semi con le apirene. Il riconoscimento nel 2013 sarà assegnato all’Azienda agricola Romanazzi di Castellaneta Marina (Taranto).

Le “Targhe d’Argento” saranno assegnate ad un giovane viticoltore che ancora crede nella coltivazione e nella validità commerciale della varietà Pizzutello bianco e ad un anziano coltivatore della varietà Regina bianca, la più coltivata in Italia prima della diffusione della varietà Italia.



Scarica il programma in formato pdf





Fonte: Mario Colapietra, ricercatore

Tag: viticoltura premi