Vino, il lockdown riduce i consumi ma non la fiducia

L'analisi dell'Osservatorio Vinitaly-Wine monitor Nomisma vede buone prospettive per il settore dopo il ritorno alla normalità, compatibilmente con i redditi. Alta la fedeltà degli italiani verso il consumo di vino

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

vino-rosso-bicchieri-by-anaumenko-fotolia-750.jpeg

Calo dei consumi per il vino, ma non manca la speranza di poter tornare a consumare fuori casa
Fonte foto: © anaumenko - Fotolia

Il lockdown, azzerando il canale Horeca, ha stoppato i consumi di vino degli italiani, ma quando la crisi da Coronavirus, almeno sul vino, tutto potrebbe tornare come prima. E' da ciò che si evince dalla ricerca dell'Osservatorio Vinitaly – Nomisma wine monitor, intitolata "Gli effetti del lockdown sui consumi di vino in Italia", basata su mille consumatori di vino nella popolazione italiana. La fedeltà alle abitudini sembra infatti contare, e il mantra ormai ripetuto più volte "Nulla sarà come prima" potrebbe non valere per il settore vino.

Per l'85% del campione intervistato non ci sarà alcun cambiamento delle abitudini, compatibilmente con la disponibilità finanziaria. Il 30% ha invece dichiarato di aver bevuto meno vino in quarantena, a fronte di un 14% che ha indicato invece un consumo superiore. Sul fronte degli acquisti, la crescita degli acquisti di vino in Gdo non compensa l'azzeramento del canale Horeca e il bicchiere è ancora mezzo vuoto. Ma c'è speranza, e voglia di tornare alla normalità, con i consueti elementi aggreganti, a partire dal prodotto e dai luoghi di consumo.

"Se poco sembra modificarsi nelle abitudini di consumo e questa è una buona notizia – sottolinea il direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani le imprese del settore vitivinicolo sono invece chiamate a profondi cambiamenti, alle prese con la necessità di reagire alle tensioni finanziarie e allo stesso tempo di difendersi dalle speculazioni. Il mercato e i suoi nuovi canali di riferimento saranno le principali cure per un settore che oggi necessita di un outlook straordinario sulla congiuntura e di un partner in grado di fornire nuovi orizzonti e soluzioni. Come Veronafiere da qui ai prossimi mesi vogliamo prenderci ancora di più questa responsabilità a supporto del settore".

Il vino comunque non può prescindere dal suo aspetto socializzante. La diminuzione dei consumi è in particolare da riscontrare in larga parte dall'emergenza Covid-19 (58%), che ha cancellato le uscite nei ristoranti, bar e pub. La quarantena sembra invece ridotto gli stimoli sulla conoscenza e cultura enologica. Rispetto al pre-lockdown, c'è meno necessità di novità di prodotto (dal 73% al 59%), preferenze sui piccoli produttori (dal 65% al 58%) e vini sostenibili (dal 65% al 61%). Cresce l'interesse per il canale e-commerce, balzato al 25% nell'interesse secondo sempre il dato del campione intervistato.

"Il desiderio di ritornare 'ai bei tempi che furono' sembra prevalere sull'attuale momento di crisi e sui comportamenti futuri – spiega Denis Pantini, responsabile di Nomisma wine monitor – si tratta di un asset molto importante in termini di fiducia sulla ripresa e che va preservato soprattutto alla luce dell'imminente fase 2, anche perchè il crollo stimato sul Pil italiano per i mesi a venire rischia di avere impatti sui consumi in considerazione di una domanda rispetto al reddito che nel caso del vino risulta elastica".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino mercati sostenibilità e-commerce consumi

Temi caldi: Coronavirus

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.741 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner