Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

La Pac del futuro secondo il Crea

Innovativa, semplice e flessibile: queste le parole chiave che dovrebbero guidare la politica agricola post 2020 emerse dal seminario organizzato dal Crea e Aieaa

agricoltura-campo-campi-rsooll-fotolia-750x447.jpeg

Il seminario dal titolo 'La Pac post 2020' si è tenuto oggi, 6 ottobre
Fonte foto: © rsoll - Fotolia

Quale sarà la Pac del futuro? Cosa e come cambierà dopo il 2020?
A queste domande si è tentato di rispondere oggi, in data 6 ottobre, durante il seminario dal titolo 'La Pac post 2020', organizzato dal Crea insieme ad Aieaa, l'Associazione italiana di economia agraria e applicata.

Flessibile e territoriale sono le parole chiave che dovrebbero guidare la Pac del futuro.

Flessibilità per affrontare con rapidità i cambiamenti di un'agricoltura in continuo cambiamento e in evoluzione, in grado anche di armonizzarsi con le politiche europee interconnesse, quali quelle relative all’ambiente, al cambiamento climatico, alla bioeconomia, agli aspetti sociali, all’alimentazione e alla salute.

Territoriale per coinvolgere ed aggregare soggetti diversi intorno a obiettivi comuni, iniziative collettive, comunità piuttosto che singoli agricoltori o aziende. 

Sempre più verde e in grado di misurare gli impatti ambientali a livello territoriale, attraverso la predisposizione di incentivi per il raggiungimento di target ambientali prefissati, valorizzando le sinergie tra risorse naturali e comunità rurali. In questo modo verrebbe riconosciuta e valorizzata la rilevanza della diversità dei sistemi agricoli e dei differenti modelli di agricoltura presenti nell’Ue.

La Pac di oggi, infatti, è prevalentemente diretta all’agricoltura su larga scala, imprenditoriale e orientata al mercato, ma cerca sempre più di non lasciarsi alle spalle gli altri modelli (agricoltura di piccola scala o quelli alternativi presenti spesso in aree marginali o fragili, o agricoltura urbana e periurbana, o agricoltura sociale), il cui abbandono avrebbe ricadute negative su tutto il territorio. 

La Pac post 2020, inoltre, dovrebbe favorire, anche attraverso incentivi e investimenti ad hoc, l’innovazione, sia tecnologica che sociale, attribuendo un maggior peso alle questioni legate al lavoro e agli obiettivi sociali (flussi migratori, aree marginali, inclusione di nuovi agricoltori) e alla regolamentazione del lavoro.

"La collaborazione tra Crea e Aieaa - ha dichiarato Roberto Henke, direttore del Centro politiche e bioeconomia del Crea - è un esempio felice di collaborazione tra soggetti che operano nella ricerca applicata, ciascuno con le proprie finalità e specifiche competenze, ma accomunati dal comune bisogno di un avanzamento nelle analisi sui temi delle politiche agricole e di risultati scientificamente fondati e utili al pubblico decisore".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy