Sì agli antibiotici nelle stalle

L'Europarlamento boccia la mozione che voleva vietare l'utilizzo degli antimicrobici per curare gli animali. Respinta così una proposta pregiudiziale ed antiscientifica, contraria allo spirito One health

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

siringa-Dawn-Huczek.jpg

Scongiurato il pericolo di un divieto che avrebbe arrecato danni e compromesso il benessere degli animali (Foto di archivio)
Fonte foto: Dawn Huczek

Si voleva togliere il diritto agli animali di essere curati con gli antibiotici. Una visione miope e antiscientifica della lotta all'antibiotico resistenza della quale le terapie veterinarie non sono certamente le uniche responsabili. Anzi.
Condannando così gli animali ammalati a morire in sofferenza, a dispetto di tutte le parole spese sul benessere animale.
Questo sarebbe accaduto con l'approvazione della proposta dell'europarlamentare Martin Häusling, tesa a vietare l'uso degli antibiotici in medicina veterinaria, come già aveva anticipato AgroNotizie.
 

Mozione respinta

Un pericolo che il Parlamento europeo è riuscito a scongiurare respingendo a larga maggioranza la mozione Häusling, che su un totale di 686 voti ha ricevuto 450 voti contrari.
Un risultato frutto della consapevolezza dimostrata dai parlamentari europei nei confronti dei temi legati all'allevamento e alla cura degli animali.
Una decisione sulla quale hanno certamente influito le petizioni sottoscritte dai medici veterinari e la levata di scudi del mondo degli allevatori.

A questo proposito il presidente di Anmvi, l'Associazione nazionale medici veterinari italiani, Marco Melosi, ha commentato il voto del Parlamento europeo dichiarando che i medici veterinari saranno in grado di dimostrare la bontà di un approccio regolatorio all'uso degli antibiotici, ma non proibitivo.
"Questo voto - ha aggiunto Melosi - dimostra che l'Europarlamento crede nella strategia per la lotta all'antimicrobico resistenza delineata dalla Commissione europea con il contributo delle evidenze scientifiche in medicina veterinaria".
Un percorso, va aggiunto, che si colloca perfettamente nello spirito One health, dove medicina dell'uomo e degli animali interagiscono per raggiungere obiettivi condivisi.


Il plauso degli allevatori

Soddisfazione per l'esito delle votazioni anche da parte degli allevatori.
Filippo Gasparini, allevatore di bovini da latte e presidente di Confagricoltura Piacenza si è unito alla voce di Giovanna Parmigiani, allevatrice di suini a Piacenza e a sua volta componente di giunta nazionale di Confagricoltura, per ricordare il diritto degli animali ad essere curati.
Giusto riservare gli antibiotici di ultima generazione alla medicina umana, ma ben diverso è togliere strumenti fondamentali alla cura e al benessere degli animali, come la mozione presentata al Parlamento europeo intendeva fare.
 

Stop ai pregiudizi

Grazie alla mobilitazione di veterinari e allevatori, il pericolo è stato scongiurato.
Ma sullo sfondo resta la preoccupazione per una visione pregiudiziale e antiscientifica nei riguardi del mondo agricolo e di quello dell'allevamento in particolare.
Restando sul tema dell'antibiotico resistenza, è il caso di ricordare che negli allevamenti l'impiego di antibiotici è in costante riduzione.
La conferma viene dall'Efsa, l'ente europeo per la sicurezza alimentare che ha verificato la caduta del consumo di antibiotici nelle stalle, come già approfondito da AgroNotizie.

Preoccupante è invece l'elevato uso improprio delle terapie antibiotiche in campo umano, che avviene nel 25% dei casi, come denunciato da Aifa, l'agenzia italiana per il farmaco.
Non è solo sulle stalle, allora, che bisogna puntare l'attenzione per sconfiggere il problema dell'antibiotico resistenza.
Speriamo che anche Martin Häusling ne prenda coscienza.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: organizzazioni agricole benessere animale veterinaria antibiotici

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 266.116 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner