Nuovi insetti alieni minacciano l’Europa

Focolai di Popillia japonica, un coleottero giapponese, sono stati rinvenuti nella valle del Ticino. Polifago, promette di apportare danni severi a vegetazioni spontanee e colture agricole

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

popillia-japonica-photo-by-marcie-o-connor.jpg

Popillia japonica, adulti (foto di Marcie O'Connor)

Non bastava la Diabrotica, giunta in Italia attraverso gli aeroporti. Ora un altro coleottero fa capolino in Italia, guarda caso nella zona di Turbigo e della valle del Ticino, non lontano da Malpensa.
Si chiama Popillia japonica ed è un coleottero scarabeide di origini giapponesi. A colpo d'occhio è morfologicamente simile alle “cugine” Cetonia aurata e Melolontha melolontha, il comune maggiolino con il quale condivide la medesima sottofamiglia tassonomica. Differisce da questi due coleotteri autoctoni soprattutto per le elitre tendenzialmente rossicce, anziché verdi come quelle della Cetonia, pur mantenendo questo colore brillante  nel pronoto, differendo per questo particolare dai maggiolini, completamente marroni. La sua presenza è già segnalata in Lombardia e Piemonte, a cavallo dei territori succitati.

Il coleottero si mostra estremamente polifago e può nutrirsi di oltre 300 specie vegetali differenti. Gli adulti vivono e si nutrono sulle parti epigee delle piante, come foglie, fiori e frutti, mentre le larve compiono il loro ciclo nel terreno, ove attaccano gli apparati radicali. Una infestazione sensibile di questo fitofago è in grado di distruggere completamente il manto erboso di parchi e prati. Non prospera però solo su essenze ornamentali e fra le alberature di parchi e viali, come aceri e tigli: Popillia japonica non disdegna infatti nemmeno alberi da frutto, mais, pomodoro, vite, pisello e altre colture distribuite lungo tutto lo Stivale. Un rischio potenziale decisamente elevato, quindi, non solo per le Regioni del Nord. La sua presenza è peraltro stata già rinvenuta in Paesi molto lontani fra loro, come Portogallo e Russia, dimostrando che questo insetto ben si adatta a climi e condizioni molto differenti fra loro. L’arrivo in Italia promette quindi di essere solo una delle tante tappe di espansione del coleottero in tutta Europa.
Ci si può quindi solo augurare che contro questo nuovo fitofago "alieno" le contromisure fitosanitarie siano tempestive ed efficaci, prima che esso dilaghi oltre le zone nelle quali ha mostrato per la prima volta le antenne.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.793 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner