India, è boom nella vendita di trattori

Nei mesi di maggio e giugno scorsi le case costruttrici locali hanno registrato un vero e proprio picco, con punte in alcune regioni del subcontinente a tripla cifra. Ma quali sono le cause?

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

macchine-agricole-sagome-generiche-mercato-trattori-by-kstudija-fotolia-750.jpeg

Le cause che hanno portato ad un'accelerazione delle vendite di trattrici in India sono dovute a più fattori (Foto di archivio)
Fonte foto: © kstudija - Fotolia

Se in India le vendite di trattori di provenienza straniera rallentano, non è così per le case costruttrici locali, che nei mesi di maggio e giugno hanno registrato un vero e proprio boom, con punte in alcune regioni del subcontinente indiano a tripla cifra. È il caso, riportano le statistiche ufficiali indiane, dell'aumento record nella vendita di trattori negli Stati orientali, in particolare Assam e Bihar.

Le vendite di trattori sono aumentate di circa il 163% a giugno in Assam e di circa il 123% in Bihar. In secondo luogo, nello stesso periodo, c'è stato un calo delle vendite di trattori nei due principali Stati agricoli di Punjab e Haryana.

Le cause che hanno portato ad un'accelerazione delle vendite di trattrici in India sono dovute a più fattori, ma sicuramente, in un territorio enorme come quello indiano, con la maggior parte dei settori dell'economia in contrazione e l'occupazione in frenata durante il periodo di blocco del Covid-19, la crescita del comparto agricolo è una notizia tanto positiva quanto inaspettata. Quali sono le cause?
 
Più fattori, si diceva. Innanzitutto, il meteo. La stagione è stata positiva e i raccolti di kharif sono aumentati in quantità. Anche le risaie e le colture di semi oleosi nel corso della stagione 2019 hanno fatto i conti - secondo i dati diffusi dal ministero dell'Agricoltura e del benessere degli agricoltori dell'India - con un aumento delle superfici coltivate: +7,5% per le risaie e +10,5% i semi oleosi.
In parte anche l'eccezionale raccolto di rabi (i raccolti di cereali primaverili, Ndr) dello scorso anno e un miglioramento degli accordi salariali (quest'ultima ipotesi più controversa) hanno garantito maggiore liquidità agli agricoltori, spingendoli ad investire in trattori e altre tecnologie per incrementare la produttività e ridurre l'uso di manodopera.

L'accesso alle risorse è stato favorito anche dalla maggiore facilità per gli agricoltori di aprire linee di credito e da una moratoria bancaria a causa della pandemia, favorite dalle politiche del governo, che vede nel settore agricolo un'occasione per rafforzare l'economia e la stabilità indiana.
Alcuni analisti hanno rilevato l'evidente paradosso di un incremento della meccanizzazione agricola in un momento in cui, come conseguenza del Covid-19, è in atto un fenomeno migratorio di ritorno dalle città alle campagne, con un aumento della disponibilità di manodopera agricola a basso costo che può accentuare il rischio che si inneschi una spirale ribassista sui salari, già gravati di diseguaglianze su base regionale.
 
Il Gruppo indiano Mahindra & Mahindra ha riferito che le sue vendite di trattori sono aumentate del 10% a giugno con 36.544 unità in più rispetto a giugno dello scorso anno. 
Recentemente l'agenzia di stampa Bloomberg ha riportato le dichiarazioni di Hemant Sikka, presidente del settore delle attrezzature agricole del Mahindra & Mahindra, secondo il quale si è trattato delle seconde migliori vendite di giugno dell'azienda. Lo scorso agosto le vendite di trattori sono aumentate del 69% su base tendenziale, ma il Gruppo indiano sta vivendo una fase positiva anche a livello globale, grazie alla filosofia vincente di fornire macchine di bassa potenza e di lunga durata. Caratteristiche che hanno portato ad incrementare i turni di lavoro in azienda negli Stati Uniti, dove nei primi nove mesi del 2020 le immatricolazioni in quello specifico segmento sono schizzate di oltre il 18%.

Tra gli altri produttori di trattori, Escorts ha registrato un aumento del 21% (più 10.851 unità) delle vendite di trattori.
Ma anche costruttori come Tafe e Sonalika hanno registrato una crescita impressionante, secondo gli insider del settore, con quest'ultima casa produttrice che ha segnato un +26% anno su anno.

La meccanizzazione agricola è strategica nel percorso di riforma agraria che il governo di Narendra Modi vuole portare a termine, per accelerare la crescita del settore, favorire la costruzione di infrastrutture e catene di approvvigionamento, rafforzare l'export e proteggere la proprietà contadina garantendo prezzi adeguati ai prodotti agricoli. Un progetto articolato e ambizioso, ma che non piace ai partiti dell'opposizione.

Dal successo di una Rivoluzione verde in India dipenderà il futuro non solo del subcontinente indiano, ma gli effetti si ripercuoteranno anche sul trade mondiale di alcuni prodotti agricoli.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: mercati macchine agricole agricoltura nel mondo trattori

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.703 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner