L'enorme potenziale dell'agricoltura di precisione

Dimostrazione pratica nell'azienda sperimentale Vallevecchia. A cura di Mario A. Rosato

Mario A. Rosato di Mario A. Rosato

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

cartello-azienda-vallevecchia-fonte-lorenzo-furlan.jpg

Azienda pilota e dimostrativa Vallevecchia

Lo scorso 19 luglio 2016, presso l'azienda pilota e dimostrativa di Vallevecchia (Caorle - Ve) si è svolta la giornata di dimostrazioni e trasferimento dell'innovazione sull'agricoltura conservativa e di precisione organizzata da Veneto agricoltura.
Sono stati presentati i risultati delle attività di ricerca degli ultimi tre anni, finanziate dall'Ue mediante due progetti Life: Agricare e  Helpsoil.

Agricare ha per scopo lo studio delle tecniche di agricoltura conservativa (minima lavorazione, non lavorazione e strip-tillage) in appezzamenti di lungo periodo (mantenuti con la stessa tecnica per valutare gli effetti di questa sul terreno con il passare degli anni).
Vengono valutate le diverse macchine utilizzabili, le tecniche agronomiche e gli effetti sulla biodiversità e sull'ambiente per ciascuna tipologia.

I partner del progetto sono: Veneto agricoltura (coordinatore), il Tesaf (dipartimento territorio e sistemi agro-forestali, Università di Padova), l'Enea e l'azienda Maschio Gaspardo, che ha messo a disposizione i macchinari.

Il progetto Helpsoil è concentrato sul miglioramento dei suoli e l'adattamento al cambiamento climatico attraverso tecniche di agricoltura conservativa sostenibili.
La coordinazione del progetto è a carico della Regione Lombardia e i partner beneficiari sono: Veneto agricoltura, Ersaf, Regione Emilia Romagna, Regione Friuli Venezia Giulia, Regione Veneto, Regione Piemonte e Crpa.

Abbiamo registrato in video le dimostrazioni dei diversi macchinari e le spiegazioni dei vari relatori, in modo da rendere accessibili i contenuti del seminario anche ai lettori delle altre Regioni.
Ut maior, minor cessat, quindi lasciamo la parola agli esperti.
 
Video 1: Il dottore Lorenzo Furlan, responsabile di ricerca di Veneto agricoltura, spiega gli obiettivi ed i traguardi dei due progetti Life.
In seguito, il professore Luigi Sartori (Tesaf) spiega la tecnica di minima lavorazione ed Alberto Crici (Maschio Gaspardo) descrive le macchine e dà avvio alla dimostrazione
 

Video 2: Dimostrazione di strip tillage con la macchina Zebra e spiegazione dei vantaggi e limitazioni di questa tecnica da Luigi Sartori
 

Video 3: Luigi Sartori spiega la tecnica di semina sul sodo durante la dimostrazione della macchia
 

Video 4: Esperimento che dimostra il dosaggio di precisione dei fertilizzanti. Sono state disposte delle vaschette in due zone diverse, e tramite Gps si è controllato il dosaggio della macchina concimatrice, 200 kg/ha in una zona e 400 kg/ha nell'altra.
Al termine della prova è stata misurata la quantità di concime caduta in ogni vaschetta. Poiché le dimensioni delle vaschette sono note, è dunque possibile calcolare il dosaggio effettivamente applicato in ogni zona.
La concimazione di precisione ha per scopo il risparmio dei fertilizzanti, applicandoli dove effettivamente servono e nel dosaggio giusto per ogni settore del terreno.
Le ricadute positive, oltre a quelle puramente economiche, sono anche ambientali: minore nitrificazione del suolo e delle falde, minore emissione di CO2 in atmosfera
 

Video 5: Verifica dell'esito della prova di concimazione di precisione. La quantità di concime caduto in ogni vaschetta viene misurata in un vaso graduato.
Il quoziente fra la quantità di concime raccolta e la superficie delle vaschette è il dosaggio che ha ricevuto il terreno
 
 
Video 6: Applicazione degli agrochimici mediante macchinari di precisione.
Nella seconda parte del video Lorenzo Furlan spiega i risultati delle diverse tecniche di agricoltura di precisione applicati alla coltivazione di mais
 

Video 7: Il video spiega l'utilizzo del penetrometro per diagnosticare se un terreno ha bisogno di interventi di decompattazione, in modo da favorire lo sviluppo delle radici e l'assorbimento dell'acqua piovana.
Vengono presentati tre tipi di vomere ad ancora e le relative prove sul campo


Chi fosse interessato a concordare una visita guidata, o desiderasse ulteriori informazioni, può scrivere ai seguenti indirizzi email: vallevecchia@venetoagricoltura.org  e info@venetoagricoltura.org.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 189.233 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner