Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Proteine, la corsa alle alternative

Il mondo della ricerca guarda con sempre maggiore interesse ai laboratori come fonti di proteine alternative a quelle animali

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

mucche-mucca-vacche-vacca-by-sven-grundmann-fotolia-750x500.jpeg

L'industria agroalimentare è alla ricerca di fonti di proteine alternative a quelle animali
Fonte foto: © Sven Grundmann - Fotolia

Nel 2013 è stato cucinato e mangiato a Londra il primo hamburger fatto di carne coltivata in provetta. A quattro anni da quell'esperimento l'interesse degli investitori e delle aziende verso l'agricoltura cellulare sta esplodendo. L'idea di poter eliminare gli animali dal settore agroalimentare senza però dover rinunciare a bistecche, uova e latte affascina (e preoccupa) molti.

Negli Stati Uniti gli investimenti in questo settore sono enormi e secondo gli esperti tra pochi anni i costi di produzione (oggi astronomici) saranno abbordabili. Beyond meat, Memphis meat e altre società simili si stanno dando da fare, grazie anche ai finanziamenti di personalità come Bill Gates e Richard Branson.

La carne in vitro, come il latte prodotto da lieviti, non è il frutto del capriccio di qualche scienziato, ma una delle strade che il mondo della ricerca sta percorrendo per trovare fonti di proteine alternative a quelle animali. L'umanità sta crescendo, il pianeta è sovra-sfruttato e dunque servono alternative sostenibili alla carne bovina, al latte, alle uova e al pesce.

"La nostra società investe elusivamente in prodotti vegetali che possano rimpiazzare quelli di derivazione aniamle. Parliamo di uova, latte, carne e pesce", spiega ad AgroNotizie Chris Kerr, investment manager di New crop capital, una società di venture capital con sede a New York e che ha partecipato al Future food-tech, un evento che ha portato a Londra aziende, investitori e startupper per immaginare il futuro del cibo.

"Saremo nove miliardi di persone entro il 2050 e i cambiamenti climatici sono una realtà sotto gli occhi di tutti. Servono alternative sostenibili ai prodotti alimentari di derivazione animale", spiega Kerr. "Il nostro obiettivo non è eliminare la bistecca dal piatto del consumatore, ma dare la possibilità di scegliere offrendo prodotti altrettanto buoni e convenienti e che siano sostenibili per il nostro pianeta".

Il mercato d'altronde è impressionante, stimato in 700 miliardi di dollari, se si considera solo la carne, il latte e le uova che si trovano nei nostri frigoriferi. Ma è molto più grande se si prende in considerazione il pesce e l'acquacoltura, un settore che sta vedendo il moltiplicarsi di fabbriche di insetti per la mangimistica. La ricerca di piante ad altro potenziale proteico è poi uno degli obiettivi dell'industria che prepara superfood per atleti e integratori alimentari per la terza età.

"Una delle startup su cui stiamo investendo è TomatoSushi. Utilizzando la polpa di pomodoro creiamo un prodotto che ha il sapore e la consistenza del tonno crudo, molto usato nella preparazione del sushi", spiega Kerr. "Alla TomatoSushi hanno trovato un modo per eliminare il gusto di pomodoro e sostituirlo con quello di tonno, mantenendo il bel colore rosso e la consistenza del pesce".

Ma perché un consumatore dovrebbe scegliere il pesce o l'hamburger 'finto' invece di quello 'vero'? "Le motivazioni sono diverse. C'è chi è preoccupato per l'ambiente e chi è contrario agli allevamenti. C'è chi ha allergie, come quella al latte, e dunque opta per il gelato di soia. C'è chi è attento alla salute e non vuole ingerire grassi animali o come nel caso del tonno una carne con la presenza di metalli pesanti".

"Il segreto - spiega Kerr - è creare un cibo che sia gustoso, conveniente e tagliato sulle esigenze del consumatore".
"In India stiamo investendo in una azienda chiamata Good dot che produce pollo vegetale. Gli indiani sono un popolo tendenzialmente vegetariano a causa del proprio credo religioso. Eppure lo sviluppo della classe media e l'apertura al mondo spingono molti a mangiare carne contravvenendo ai propri valori spirituali. Noi offriamo una soluzione al dilemma tra gusto e principi producendo un cibo a base vegetale che è simile al pollo".

 
In occasione della Rethink Ag & Food Innovation Week (Londra, 17-19 ottobre 2017) siamo andati a scoprire gli ultimi sviluppi della tecnologia applicata all'agricoltura e al cibo. Dal precision farming ai big data, dalla robotica all'agricoltura cellulare, AgroNotizie prova a raccontare come produrremo e mangeremo il cibo nel futuro.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 18 gennaio a 135.236 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy