Stress da caldo nei vitelli

Sprayfo mette in guardia sulle possibili conseguenze: disidratazione, riduzione del consumo di alimento e depressione del sistema immunitario

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vitello-nutreco-redazionale-9.jpg

L'indice di temperatura e umidità permette di stimare lo stress a cui sono sottoposti gli animali

Lo stress da caldo nei vitelli peggiora la disidratazione, riduce il consumo di alimento e deprime il sistema immunitario. Infatti l’energia, derivante dalle sostanze nutritive introdotte con la dieta, viene consumata dal vitello nel tentativo di mantenere l’omeostasi invece che essere impiegata nello sviluppo e nella crescita corporea.

Il temperature-humidity index (THI) o indice di temperatura e umidità permette di stimare lo stress a cui sono sottoposti gli animali esposti ad alte temperature ed elevata umidità dell’aria.

In particolare, negli animali di grande mole, come le vacche da latte, le condizioni termoigrometriche estreme possono portare a conseguenze drammatiche determinanti il calo sia dell’attività produttiva sia delle performance riproduttive, poiché una buona parte dell’energia derivante dagli alimenti viene utilizzata per mantenere costante la temperatura corporea e non viene, quindi, destinata alle altre attività (produzione di latte, accrescimento, gravidanza, ingrassamento, ecc.). Inoltre il perdurare delle alte temperature durante tutto il giorno e anche la notte impedisce all’animale di raffreddarsi correttamente e portare la sua temperatura nei range della normalità. Non solo i bovini adulti soffrono queste condizione estreme, anche nei vitelli, infatti, si può assistere ad un aumento della disidratazione, a una riduzione del consumo dell’alimento e ad una depressione del sistema immunitario.

Sprayfo suggerisce di prestare attenzione a quei cambiamenti nel comportamento che i vitelli attuano per ridurre lo stress da caldo. I vitelli cercano ombra, piuttosto che sdraiarsi stanno in piedi divaricando gli arti anteriori ed estendendo il collo, riducono l'assunzione di sostanza secca e bevono più acqua.

Lo stress da caldo causa numerosi cambiamenti nel vitello:
  • ipertermia, manifestata in genere con una depressione del sensorio;
  • iperventilazione, poiché il vitello cerca di diminuire la temperatura corporea;
  • calo dell'appetito, il vitello assume meno sostanza secca;
  • aumento del consumo di acqua;
  • maggior perdita di acqua attraverso l'evaporazione;
  • variazioni negative nell’asse metabolico e ormonale (non facilmente osservato);
  • soppressione della capacità del sistema immunitario di combattere gli agenti patogeni.
Ma che cosa determina il carico termico sul vitello?
  • Temperatura dell'aria;
  • umidità relativa dell'aria;
  • il movimento dell'aria;
  • la radiazione solare diretta sul vitello.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.876 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner