Prezzi dei cereali, a gennaio prosegue la fase di rialzo

I dati della Bmti, Borsa merci telematica italiana. Gli incrementi più consistenti per il frumento duro italiano (+17,6% rispetto a dicembre)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

spighe.jpg

Prodotti cerealicoli, prezzi in rialzo
anche a gennaio 2011

Prosegue la fase di rialzo dei prezzi dei prodotti cerealicoli anche nel mese di gennaio 2011.

Le quotazioni del frumento duro nazionale hanno registrato gli incrementi più consistenti, guadagnando il 17,6% rispetto al mese di dicembre. In aumento anche i prezzi del frumento tenero, sia nazionale (+7%) che estero (+2,7%). Variazione congiunturale positiva anche per le quotazioni camerali del granoturco nazionale (+3,6%).

Il confronto rispetto al mese di gennaio dello scorso anno evidenzia come la crescita delle quotazioni degli ultimi mesi abbia portato le quotazioni su livelli decisamente più elevati rispetto a quelli registrati nel corso della campagna precedente. Il prezzo del frumento tenero panificabile (nazionale) risulta raddoppiato rispetto alle quotazioni di un anno fa (+99,8%), attestandosi, tra l’altro, su livelli superiori anche rispetto ai valori record della prima parte del 2008. Anche per il frumento duro nazionale il divario rispetto alle quotazioni di gennaio 2010 è consistente (+79,2%). Variazione tendenziale fortemente positiva anche per il mais secco nazionale (+68,7%) e per il frumento tenero North-Spring (+42,6%).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.244 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner