Clima, allarme siccità e desertificazione

Coldiretti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Siccita'_2001.jpg
Tutti i grandi laghi del nord si trovano ben al di sotto delle medie stagionali mentre nelle aree meridionali sono a "secco" i grandi invasi con situazioni più gravi in Basilicata e Puglia. E' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti, effettuato in occasione della Conferenza sul clima dell'Onu, che evidenzia i pesanti effetti dei cambiamenti del clima sulla disponibilità idriche in Italia con oltre la metà del territorio nazionale potenzialmente a rischio desertificazione. Secondo il monitoraggio il lago Maggiore a Sesto Calende è si trova quasi 50 cm al di sotto della media del periodo e quello di Garda a Peschiera è più basso di 20 cm. Secondo i dati della Protezione civile riguardanti le stazioni idrometriche di Boretto, Palantone sul Po, Pontelagoscuro e Piacenza i livelli idrometrici del Po appaiono inferiori a quelli rilevati tra il 2003 e 2007, anche se migliorati. Nelle aree del Centro Italia il deficit idrico accumulato nei mesi passati rimane alto, in particolare nel lago Trasimeno. La situazione - continua Coldiretti - è preoccupante nel Meridione dove secondo l'Anbi, Associazione nazionale bonifiche italiane la situazione più grave si registra nei territori di Puglia e Basilicata, i cui invasi di riferimento sono già ai livelli minimi. La preoccupazione per le riserve idriche insufficienti ad affrontare la prossima primavera-estate si estende anche in Campania, Umbria, Marche, Sicilia e Sardegna.

Fonte: Coldiretti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.898 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner