Una Piattaforma informativa nazionale per la sicurezza alimentare

Un sistema informativo integrato di reti di sorveglianza epidemiologica

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ministero salute.jpg
Il Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli alimenti dell'ex Ministero della salute e il Coordinamento regionale dei Servizi Veterinari hanno concordato di istituire una Cabina di regia per la progettazione di una Piattaforma informativa nazionale (Pin) in materia di sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria.
La 'Cabina di regia', costituita da cinque rappresentanti del ministero e cinque rappresentanti delle Regioni, si è insediata nella prima riunione tenutasi lo scorso 15 ottobre. Nell'ambito della 'Cabina di regia' saranno attivati appositi sottogruppi tecnici cui saranno chiamati a partecipare anche esperti del Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione (Cnipa) e del Centro Operativo Veterinario per l'Epidemiologia, la Programmazione e l'Informazione (Covepi) dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale". A tali sottogruppi è prevista, anche la partecipazione di una rappresentanza degli II.ZZ.SS..
La piattaforma è un sistema informativo integrato di reti di sorveglianza epidemiologica che dovrà permettere ai vari livelli delle amministrazioni di accedere a tutte le informazioni utili per assicurare la difesa sanitaria degli allevamenti e la sicurezza degli alimenti.
Il primo obiettivo della Cabina di regia sarà quello di elaborare e proporre alla Conferenza Stato-Regioni un progetto di costituzione della Pin per la raccolta, l'organizzazione e l'aggregazione di informazioni essenziali al controllo dello stato della sanità animale e al mantenimento della sicurezza alimentare.
Successivamente avrà il ruolo di coordinamento della realizzazione del progetto approvato.

Fonte: @nmvi Oggi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.559 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner