La viticoltura nell'area del Piave

Il convegno, organizzato dal Condifesa Treviso, si terrà il prossimo mercoledì 6 aprile, alle 20.30 a Ponte di Piave (Tv)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vigna-vigneto-uva-bianca-grappolo-by-hykoe-fotolia-750.jpeg

Ponte di Piave (Tv), 6 aprile, ore 20.30
Fonte foto: © hykoe - Fotolia

Si terrà a Ponte di Piave (Tv), mercoledì 6 aprile dalle 20.30 (al palazzetto di via De Gasperi, 1) l’appuntamento “Convegno in viticoltura”, organizzato da Condifesa Treviso, Azienda Sanitaria Ulss 9 e Avepa, con il patrocinio dei 17 Comuni del Quartier del Piave.

Interverranno: Fabrizio Stella, direttore generale Avepa sul tema: "L’innovazione possibile nei controlli della pubblica amministrazione e tecnologia, applicazioni e satelliti al servizio delle imprese agricole"; Ercole Girotto, del servizio Prevenzione Ulss 9, su: "Il rischio infortunistico in agricoltura con riferimento alla gestione di prodotti fitosanitari e alle relative macchine e attrezzature agricole"; Filippo Codato, direttore Condifesa Veneto, su: "Strumenti per la tutela del reddito nell’azienda viticola". Modera la serata Fiorello Terzariol, tecnico Condifesa Treviso.

Il Consorzio di difesa delle attività agricole dalle avversità di Treviso, forte di circa 5mila aziende agricole associate, è il primo consorzio nazionale in termini di capitale viticolo assicurato (180 milioni di euro assicurati ogni anno dalle principali avversità e calamità atmosferiche). Tra i suoi soci oltre 3.000 viticoltori.

La difesa passiva, attraverso il sistema assicurativo e di fondi mutualistici, si sta affermando come imprescindibile strumento per la tutela del reddito in agricoltura e in particolar modo in ambito viticolo anche nell’area dei vini del Piave. Condifesa – spiega il direttore Codato – è però da sempre impegnata a promuovere anche momenti di formazione e di promozione dell’innovazione che vadano sempre più verso l’agricoltura di precisione, anche attraverso tecnologie satellitari e robotica, e un utilizzo sempre più responsabile di agrofarmaci nei vigneti”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.876 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner