Miele Varesino, iscrizione nel registro europeo delle Dop e igp

Salgono a 262 le Dop e Igp italiane registrate in ambito comunitario mantenendo salda la posizione di primato che l’Italia detiene per le eccellenze agroalimentari di qualità

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

miele-varesino.jpg

Miele Varesino Dop

Pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea l’iscrizione nel registro delle Denominazioni di origine protette e delle Indicazioni geografiche protette della denominazione “Miele Varesino” Dop.

Il Miele Varesino è un miele monoflorale di acacia ad elevato grado di purezza dal punto di vista dell’origine del nettare. Il miele è peculiarmente liquido e presenta un colore chiaro, da trasparente a giallo paglierino, un odore leggero e delicato, privo di odori marcati e un sapore molto dolce. L’aroma è delicato, confettato e vanigliato.

La zona geografica di produzione si estende ai piedi delle Alpi, tra i fiumi Ticino ed Olona e tra i laghi Maggiore e di Lugano. Tale zona corrisponde al territorio della Provincia di Varese.
La presenza in questa zona geografica di estese e continuative fioriture di Robinia pseudoacacia L. ha determinato, da almeno un secolo e mezzo, l’interesse per la pratica dell’apicoltura ed il successo della produzione del «Miele Varesino».

Salgono quindi a 262 le Dop e Igp italiane registrate in ambito comunitario mantenendo salda la posizione di primato che l’Italia detiene per le eccellenze agroalimentari di qualità.

Fonte: Mipaaf - Ministero delle politiche agricole alimentari forestali

Tag: miele marchi di tutela

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.914 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner