Truffe, "cheese kit" venduti online in Australia e Nuova Zelanda

Scoperti dai Nuclei antifrodi carabinieri del MIpaaf. Coinvolta anche l'Interpol

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

cheese-kit-mipaaf-nac.jpg

"Cheese-kit" in vendita online in Australia e Nuova Zelanda

Scoperti cheese-kit venduti online in Nuova Zelanda e Australia. A portare alla luce l'ennesima truffa ai danni dei consumatori e del made in Italya agroalimentare sono stati i Nuclei antifrodi carabinieri del MIpaaf

I cheese-kit vanno ad aggiungersi ai casi già noti dei ‘wine-kit’ e di altri prodotti segnalati anche dalle principali associazioni agricole. è recente l'iniziativa di Coldiretti al Convegno di Cernobbio.

“Questo ci dà la misura di quanto i nostri prodotti siano ambiti e ricercati all’estero. Le nostre produzioni sono di qualità, autentiche e inimitabili e non possiamo permetterci di abbassare la guardia di fronte a comportamenti illeciti che danneggiano l’immagine del nostro agroalimentare, che traggono in inganno i consumatori onesti e che sottraggono fette di mercato alle aziende italiane”, ha commentato il ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo

Il fenomeno è insidioso per il consumatore globale e per le produzioni nazionali - che non trovano ancora ampi spazi di mercato in questi contesti regionali – perché il prodotto è presentato con immagini accattivanti che evocano in etichetta il tricolore, e le denominazioni "italian cheese", mozzarella, ricotta, burrata, mascarpone e di altri formaggi tipici italiani.
Il potenziale acquirente online è indotto a considerare autentiche la genuinità e l’italianità del prodotto, mentre si tratta di confezioni contenenti estratti del latte e/o altre sostanze che con l’aggiunta di latte promettono di realizzare i formaggi tipici italiani. Le indicazioni dei siti riconducono le zone di produzione e di commercializzazione oltre che in Gran Bretagna, Usa anche in  Nuova Zelanda e Australia, ma sono in corso ulteriori accertamenti atteso che i NAC hanno segnalato la vendita irregolare sui canali di cooperazione internazionale di Interpol e dell’Agenzia delle Dogane.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.720 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner