Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Nuovo record per il mais: 34 tonnellate per ettaro

Stilata la classifica finale del National corn yield contest, organizzato dalla National corn growers association americana. Media complessiva delle rese sopra le 24 tonnellate per ettaro

campo-mais-ricerca-giovani-by-budimir-jevtic-fotolia-750.jpeg

Nuovi record di raccolta mais dagli Stati Uniti
Fonte foto: © Budimir Jevtic - Fotolia

Ogni anno in America si svolge una gara fra produttori di mais, il cosiddetto "National corn yield contest", organizzato dalla National corn growers association, ovvero l'associazione americana di produttori di mais.

Sei le categorie della competizione, tutte miranti a superare la media prevista negli Usa quanto a rese per il 2017, ovvero 11 tonnellate di granella per ettaro. Al termine della competizione i 18 primi classificati si sono tutti mantenuti molto al di sopra di tale obiettivo minimo, fissando la media produttiva in 24 tonnellate per ettaro.
Cioè più del doppio.

Il campione dei campioni è però David Hula di Charles City, in Virginia, il quale si è confermato al vertice della categoria "irrigui no-till/strip-till" con una resa record pari a 34 tonnellate per ettaro.

Il nuovo limite mondiale è stato raggiunto con un ibrido gm Pioneer P1197AM, resistente agli insetti. Netto ma non abissale il distacco del secondo e del terzo classificati, ovvero Craig Hula e Johnny Hula, anch'essi di Charles City.
In pratica, un derby in famiglia. Craig ha raggiunto le 33 tonnellate ettaro con un ibrido di Dekalb, il DKC67-44RIB, mentre John si è dovuto "accontentare" di 31,7 tonnellate, ottenute con l'ibrido Progeny PGY5115VT2P.

Interessanti anche le performance della categoria "No till/Strip Till non irrigui", con rese che hanno comunque toccato le 22,2 tonnellate con il vincitore, John Gause Scranton, della South Carolina, il quale ha seminato l'ibrido Pioneer P2160YHR. Al secondo posto Marvin e Glenn Wiles, del Nebraska, con le 22 tonnellate nette prodotte dall'ibrido Dekalb DKC64-35RIB. Infine sul gradino più basso del podio, Daniel Gause Scranton, della South Carolina, il cui ibrido Pioneer P2160YHR ha fornito comunque la ragguardevole resa di 21,1 tonnellate per ettaro.

Dimostrazione che quando la volontà è quella di produrre, le tecnologie per farlo ci sono già tutte. Sarebbe quindi interessante che anche in Italia si potesse provare in campo tali ibridi, al fine di confrontarli con le genetiche, spesso obsolete, cui l'Italia si è volontariamente confinata.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 18 gennaio a 135.236 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy