Georgofili e Fondazione cassa di risparmio di Volterra insieme per il territorio

Firmato un protocollo di intesa tra l'Accademia e la fondazione bancaria, senza scopo di lucro, per finanziare e promuovere i progetti di sviluppo economico in ambito agricolo

pepi-vincenzini-firma-by-accademia-georgofili-jpg.jpg

Massimo Vincenzini, a destra, e il presidente della Fondazione cassa di risparmio di Volterra Roberto Pepi al momento della firma
Fonte foto: Accademia dei Georgofili

E' stato firmato a Firenze un protocollo di intesa fra l'Accademia dei Georgofili e la Fondazione cassa di risparmio di Volterra, con durata triennale rinnovabile.

Gli obiettivi condivisi sono quelli di collaborare a sviluppare insieme progetti ed iniziative mirati alla valorizzazione e allo sviluppo dell'agricoltura e del territorio.

Il presidente dei Georgofili, Massimo Vincenzini, ha sottolineato l'importanza del settore formativo per gli agricoltori, suggerendo l'organizzazione e la realizzazione di convegni, seminari e gruppi di lavoro comuni per l'aggiornamento costante degli imprenditori agricoli sulle nuove acquisizioni tecnico-scientifiche che hanno riflessi sull'agricoltura e sul mondo rurale, anche in relazione alla formazione delle giovani generazioni.

Vincenzini ha poi ricordato che l'Accademia dei Georgofili, fondata il 4 giugno 1753, ha da sempre avuto uno stretto legame con il settore bancario per la necessità di finanziare le opere di miglioramento del territorio: Cosimo Ridolfi stesso, presidente dell'Accademia dei Georgofili dal 1842 al 1865, fu fondatore nel 1829 e primo presidente della Società cassa di risparmio di Firenze.
 
La Fondazione ha le sue origini nella Cassa di risparmio di Volterra fondata nel 1893, dalla quale è stata scorporata l'attività creditizia il 6 agosto 1992.

La Fondazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio. A tal fine viene ritenuta quella agricola, sempre più, un'attività rilevante e di ampio interesse, non solo immediato ma anche a lungo termine per la crescita, il rilancio, ed un sostegno concreto all'economia del territorio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.673 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner