Provincia di Trento, ok dall'Ue al nuovo Psr

Il via libera definitivo dall'Ue vale 301 milioni di euro a disposizione fino al 2020 per ecosistemi, competitività e sviluppo economico nelle aree rurali

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-campi-morguefile-kconnors.jpg

In arrivo 301 milioni di euro fino al 2020 per le aziende agricole trentine
Fonte foto: © Kconnors - Morguefile

Ok definitivo dalla Commissione Europea al nuovo Psr 2014-2020 della Provincia autonoma di Trento.

Il via libera è arrivato ufficialmente il 3 agosto 2015 e il nuovo programma di sviluppo rurale va a delineare le priorità per la provincia. 301 milioni di euro sono le risorse finanziarie impegnate per il periodo 2014-2020, divisi fra 129,5 milioni di euro provenienti dal bilancio Ue e 171,5 milioni di euro di cofinanziamento nazionale.

Le tre priorità della Provincia di Trento sono la valorizzazione degli ecosistemi, la competitività del settore agricolo-forestale, la promozione dell'inclusione sociale e sviluppo economico nelle aree rurali. I numeri parlano già. Quasi il 41% della superficie agricola provinciale sarà interessata da interventi per una migliore gestione del suolo e alla prevenzione dell'erosione, mentre per il 38% per il sostegno alla biodiversità.

1100 aziende otterranno un sostegno per interventi di ristrutturazione e ammodernamento, mentre 300 giovani agricoltori riceveranno il contributo per il primo insediamento e quindi l'avviamento di una nuova attività.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Provincia autonoma di Trento

Autore:

Tag: azienda agricola giovani psr biodiversità sviluppo rurale

Temi caldi: Psr 2014-2020

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.223 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner