'Si tutelino di più gli interessi offensivi dell'agroalimentare nei negoziati internazionali'

Bruni del Cogeca si rivolge al Commissario europeo al commercio internazionale De Gucht

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Bruni Fedagri.jpg

Paolo Bruni, presidente Cogeca

Intervenendo a Bruxelles al "Praesidium congiunto Copa-cogeca" dedicato al commercio internazionale, il presidente della Cogeca Paolo Bruni ha sollecitato il Commissario europeo Karel De Gucht "a rafforzare l'approccio offensivo dell'Ue nel contesto dei vari accordi internazionali".

"Lo studio che Cogeca sta finalizzando sul trend delle cooperative europee negli ultimi 5 anni – ha aggiunto Bruni – testimonia degli investimenti significativi che le nostre imprese stanno effettuando per essere più competitive nella globalizzazione mondiale, ma permane l'esigenza di essere accompagnate dalle istituzioni pubbliche, comunitarie e nazionali, nel difficile processo di penetrazione dei mercati".

"Per tali ragioni, ha concluso Bruni, si rende necessario da parte dell'Unione europea un approccio negoziale più equilibrato che non sacrifichi l'agricoltura come moneta di scambio, ma valorizzi invece le straordinarie potenzialità commerciali delle nostre produzioni".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.273 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner