Le malattie del piede bovino si prevengono in mangiatoia

Presentato in occasione della Fiera di Cremona Podal Protector, il supplemento mineral-vitaminico messo a punto da Purina®

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bovina_piedi_sani.jpg

La salute del piede della bovina è una delle condizioni necessarie per ottenere buone performance

Gli economisti sono tutti d’accordo. Il prezzo del latte nel mondo è sempre più volatile, il mercato segue gli andamenti del petrolio e delle materie prime ed è influenzato dalle tensioni finanziarie sulle commodities agroalimentari. Il risultato è questa lunga crisi con le quotazioni del latte che solo negli ultimi mesi hanno dato qualche timido segnale di ripresa. Oscillazioni con le quali bisognerà imparare a convivere e nei confronti delle quali gli allevatori hanno a disposizione ben poche armi di difesa. Una di queste è l’ottimizzazione dei costi di produzione e fra gli strumenti da utilizzare troviamo il management, l’innovazione tecnologica, la genetica, l’alimentazione, la salute della mandria. Su questi due ultimi aspetti, salute e nutrizione, gli allevatori hanno ora un aiuto in più grazie agli studi condotti da Purina®, che ha presentato in occasione della Fiera di Cremona Podal Protector, un supplemento mineral-vitaminico dalle peculiari prerogative. Purina®, lo ricordiamo, è uno dei marchi per animali da reddito della divisione Animal Nutrition di Cargill®, multinazionale con 159mila dipendenti presente in 68 paesi, che opera come produttore e fornitore internazionale di prodotti e servizi nell’ambito alimentare, agricolo, industriale e finanziario (www.cargill.it)

 

Stop alle malattie podali

Partendo dall'obiettivo di massimizzare l'efficienza dell'allevamento, è possibile constatare come le malattie podali possano rappresentare un problema per le conseguenze che hanno sugli animali, compromettendone le performance produttive e la fertilità e dunque aumentando le percentuali di rimonta. Per risolvere queste problematiche Purina® ha studiato una strategia di prevenzione delle malattie del piede che ha il suo punto di forza sulla disponibilità nella razione alimentare di microelementi, il cui apporto è fondamentale nella produzione di corno. Le esperienze condotte in questa direzione hanno dimostrato che l'apporto extra di microelementi sia durante la lattazione sia durante l’asciutta è cruciale nella prevenzione delle malattie del piede e svolge al contempo un'importante funzione nel migliorare la risposta del sistema immunitario nel preparto, aumentando di conseguenza la resistenza nei confronti di mastiti e metriti.

 

Un mix ottimale

Per ottenere questi risultati una parte dei microelementi deve essere sotto forma di chelati, complessi che offrono il vantaggio di un'elevata biodisponibilità per gli animali. La ricerca ha poi dimostrato che una combinazione fra forme organiche (chelati) e forme inorganiche dà garanzie di eccellenti risultati specie se abbinata a un adeguato apporto di vitamine A, D, E, Biotina.
Podal Protector racchiude in sé oligoelementi chelati e in forma inorganica e vitamine nelle proporzioni idonee a soddisfare le esigenze delle bovine in stabulazione e il suo impiego si è dimostrato efficace nella diminuzione delle infezioni podali e nella più rapida cicatrizzazione dei tessuti. Il miglioramento dello stato di salute del piede si riflette poi in un aumento della fertilità accompagnato da una minore incidenza delle metriti e delle infezioni del periparto. Gli effetti positivi continuano nella diminuita presenza di cellule somatiche nel latte, la cui produzione risulta aumentata. In sintesi, una riduzione dei costi sanitari che insieme al miglioramento delle performance produttive contribuisce a migliorare i margini di redditività aziendali, offrendo un aiuto per affrontare le ricorrenti difficoltà di mercato.

Fonte: Cargill

Tag: allevamento

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.741 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner