MelaPiù: annata 2014/15 soddisfacente

Quest'annata è la più abbondante degli ultimi 10 anni informa il Consorzio. I dati di ritiro sono ancor più elevati di quelli previsti: +9% a livello europeo e +14% a livello nazionale rispetto al raccolto 2013

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bergamini-gianmauro-presidente-melapiu.jpg

Gianmauro Bergamini, presidente Consorzio Melapiù

Si sta per concludere la campagna 2014/15 per il settore melicolo di pianura, campagna che per il Consorzio MelaPiù ha visto una grande novità: l'introduzione di una nuova varietà, la Fujion. Prima della raccolta le previsioni parlavano di dati record in Europa ed in Italia, previsioni che nella realtà sono state superate con dati di ritiro ancor più elevati di quelli previsti (+9% a livello europeo e +14% a livello nazionale rispetto al raccolto 2013), rendendo quest'annata la più abbondante degli ultimi 10 anni e innescando sul mercato una forte pressione dell'offerta.

La campagna 2014/15 è stata caratterizzata da diversi momenti – racconta Gianmauro Bergamini, presidente del Consorzio MelaPiù – dopo un avvio di campagna piuttosto difficile, la situazione è evoluta verso un cauto ottimismo e ora che siamo al termine possiamo dire che la campagna è stata soddisfacente soprattutto alla luce delle premesse”. Per la Fuji, la mela che il Consorzio MelaPiù produce e distribuisce sul mercato italiano da vent'anni, il raccolto si è attestato sulle 18 mila tonnellate. “La Fuji – continua il presidente Bergamini – ha mantenuto il suo posizionamento presso i suoi estimatori e le vendite sono procedute rispettando i tempi. E' una varietà di mela che ha una sua cerchia di consumatori fedeli e non ha risentito dell'introduzione della Fujion, anche perché le due varietà possiedono caratteristiche organolettiche diverse”.

La Fujion MelaPiù, in questa sua prima campagna, ha visto la produzione attestarsi sulle 500 tonnellate, che le hanno permesso un ingresso graduale e soft sul mercato. “La Fujion è stata la novità di mercato lanciata col marchio MelaPiù e per la fine di maggio tutto lo stoccaggio sarà terminato – prosegue il presidente del Consorzio MelaPiù -. Inizialmente questa nuova varietà non conosciuta dai consumatori ha avvertito la pressione del mercato dovuta alla forte produzione delle altre varietà di mele e alle ripercussioni sul mercato italiano della situazione internazionale. La Fujion ha dimostrato di poter avere le caratteristiche per trovare un suo spazio di mercato con una sua cerchia di estimatori, senza sostituire la Fuji nei gusti e nelle preferenze, ma affiancandosi”.

E le interviste ai consumatori realizzate durante le in-store promotion confermano quanto detto dal presidente del Consorzio: la Fujion MelaPiù è risultata piacere “molto” e “moltissimo” ad oltre la metà degli intervistati (57,9%) conquistando il favore di chi l'assaggiava per la sua dolcezza, il suo buon sapore – delicato ed equilibrato - e la croccantezza, caratteristiche che testimoniano le potenzialità sul mercato.
Gli impianti in produzione il prossimo anno permetteranno di aumentare le disponibilità da porre in vendita – conclude Bergamini - anche se soltanto fra un paio d’anni i quantitativi diventeranno più significativi”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.517 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner