Cereali, import/export nei primi sette mesi dell'anno

Dati Anacer. Importazioni in aumento (+5,3%), in calo le esportazioni (-6,1%)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

campo di grano.jpg
Le importazioni in Italia dell’intero settore cerealicolo nei primi sette mesi del 2009 sono risultate in aumento del 5,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente passando da 5,87 a 6,18 milioni di tonnellate (+313.000 tonnellate). Nel periodo preso in esame sono aumentati gli arrivi dall’estero sia di grano tenero (+339.000 tonnellate, +17,4%), che di grano duro (+274.000 tonnellate, +27,3%). Tra gli altri cereali in granella risultano pressoché stabili le importazioni di mais e di orzo, mentre sono diminuite quelle degli altri cereali, sorgo in particolare (-243.000 tonnellate).
Le importazioni di riso (risone, riso semigreggio, riso semilavorato e lavorato a fondo e rotture di riso), ammontano complessivamente a 95.436 tonnellate, risultando in diminuzione di circa 40.000 tonnellate rispetto all’anno precedente (-29%).
 
Le esportazioni sono risultate in diminuzione di 136.000 tonnellate (-6,1%). Si riducono le esportazioni di cereali in granella (-115.000 tonnellate circa tra tenero, duro e mais) e di riso, considerato complessivamente tra riso lavorato a fondo, semilavorato, semigreggio e risone (-110.000 tonnellate).
Risultano in aumento delle esportazioni di semola di grano duro e prodotti trasformati, mentre si rileva una riduzione delle vendite all’estero di farina di grano tenero (-5,5%) e mangimi a base di cereali (-8,3%).

I movimenti valutari relativi all’import/export hanno comportato un esborso di valuta pari a 1.429,8 milioni di Euro (1.870,70 nel 2008) ed introiti per 1.538,7 milioni di Euro (1.753,8 nel 2008). Pertanto il saldo valutario netto è pari a +108,9 milioni di Euro, contro -116,9 milioni di Euro nel 2008.

Fonte: Anacer - Associazione nazionale cerealisti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.274 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner