Xylella, ancora otto giorni per la lotta alla sputacchina

Le Op olivicole Aproli, Assoproli e Oliveti Terra di Bari lanciano un appello a tutti - enti pubblici e privati - ancora inadempienti. Necessarie arature, erpicature e sfalci - previsti dal Piano d'azione - per limitare la popolazione dell'insetto vettore del batterio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750.jpeg

Lo sfalcio e, ancor più, l'aratura e l'erpicatura evitano che gli stadi giovanili della sputacchina possano diventare adulti propagando la Xylella
Fonte foto: © Enrico Rovelli - Fotolia

Accelerare le operazioni di pulizia delle aree verdi pubbliche ancora incolte e smuovere gli agricoltori ad intervenire in tutta la Puglia con arature e trinciature contro gli stadi giovanili di cicalina sputtachina (Philaenus spumarius) per evitare che la Xylella fastidiosa dilaghi nel cuore olivicolo pugliese e italiano, le province di Bari e Barletta Andria Trani a causa delle punture degli adulti dell'insetto vettore del batterio.
 
Questa la richiesta delle tre organizzazioni di produttori olivicoli più rappresentative, Aproli, Assoproli e Oliveti Terra di Bari, formalizzata via pec nello scorso fine settimana a numerosi enti pubblici ancora inadempienti. Un invito molto fermo a stringere i tempi in vista della scadenza del periodo di intervento obbligatorio previsto dal Piano d'azione 2021 di Regione Puglia per il 10 maggio.
 
I rappresentanti degli olivicoltori hanno scritto direttamente ad Anas, Anci Puglia, Città metropolitana di Bari, Provincia Bat, Provincia di Foggia, Società Autostrade per l'Italia, Consorzio di bonifica Terre d'Apulia, Consorzio Asi Bari, Acquedotto pugliese, Aeroporti di Puglia, Ferrovie dello Stato, Ferrovie appulo lucane, Ferrovie del Nord barese e, per conoscenza, a Prefettura di Bari, Prefettura Bat, presidenza della Regione Puglia, assessorato all'Agricoltura, Osservatorio fitosanitario regionale, Arif e Legione Carabinieri Puglia, chiedendo di ottemperare rapidamente agli obblighi previsti dal piano regionale.
 
Aproli, Assoproli e Oliveti Terra di Bari, però, hanno deciso di rivolgersi congiuntamente anche agli agricoltori, agli hobbisti e ai proprietari dei terreni agricoli con una campagna di affissioni in tutte le città del Nord barese per chiedere di pulire i campi di proprietà.
 
"Stiamo scherzando col fuoco, qui è in gioco la nostra storia millenaria e l'economia di migliaia di famiglie - dicono i presidenti Giacomo Patruno (Aproli), Pasquale Mastrandrea (Assoproli) e Gennaro Sicolo (Oliveti Terra di Bari) -. Le istituzioni pubbliche devono fungere da esempio ed eseguire immediatamente i lavori nelle aree di pertinenza completamente abbandonate, senza perdere ulteriore tempo come stanno facendo, anche attraverso accordi con gli agricoltori e con le cooperative".
 
"Tutti i proprietari di terreni sono chiamati alla responsabilità, chi non interviene è artefice del disastro - rimarcano duramente i rappresentanti degli olivicoltori -. Ci sono ancora otto giorni di tempo per praticare le buone pratiche agricole ed evitare che la sputacchina si impadronisca del cuore economico e della storia della nostra terra".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: difesa fitosanitari organizzazioni di produttori Xylella fastidiosa

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.330 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner