Il futuro dell'imballaggio firmato Ilip

A Fruit Logistica l'azienda bolognese ha presentato una nuova vaschetta termosaldata per il confezionamento delle fragole con uno speciale pad assorbente

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ILIP_Fragole.JPG

L'innovativo imballaggio realizzato da Ilip per le fragole

Nei padiglioni di Fruit Logistica, la la più importante manifestazione dedicata al marketing dei prodotti ortofrutticoli che si è svolta dal 3 al 5 febbraio scorsi a Berlino, Ilip ha presentato un nuovo packaging dedicato alle fragole.

Si tratta di una pratica vaschetta termosaldata disponibile con capacità contenitive comprese tra i 250 e i 1.000 g. Il fondo del contenitore è ricoperto con uno speciale pad assorbente in materiale accoppiato che favorisce una migliore conservazione delle fragole, proteggendole dagli urti e dall’eccessiva umidità. Il bordo del packaging è stato studiato per consentire – oltre alla termosaldatura - anche l’eventuale coperchiatura.

"Siamo convinti che il termosaldato si ritaglierà interessanti spazi di mercato all’interno del settore dell’imballaggio – ha dichiarato Riccardo Pianesani, legale rappresentante di Ilpa srl, Divisione Ilip – e che la richiesta di questi prodotti sia destinata ad aumentare costantemente nei prossimi anni. La termosaldatura presenta vantaggi sia dal punto di vista della logistica, garantendo una migliore impilabilità dei prodotti, sia dal punto di vista comunicativo, perché permette alle aziende ortofrutticole di distinguersi attraverso la personalizzazione del film protettivo".

Nella passata stagione Ilip ha realizzato per le ciliegie a marchio Valfrutta Fresco una vaschetta termosaldata completamente realizzata in pla e i consumatori hanno mostrato di apprezzare questa soluzione che ha ottenuto risultati di vendita molto positivi.

Il nuovo contenitore termosaldato per le fragole firmato Ilip è disponibile in R-pet e in pla, il polimero naturale derivato dall’amido di mais che offre un eccellente livello di 'carbon footprint' ed è compostabile, caratteristica certificata e resa riconoscibile in Italia dal marchio Cic, acronimo del Consorzio italiano compostatori, e all’estero dal marchio sviluppato dall’European bioplastics e certificato da “Din Certco”.

Fonte: Ilip

Tag: frutticoltura fiere

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.594 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner