Claas, sponsor di Farming by satellite

Dal 16 marzo al 15 giugno è possibile partecipare all'iniziativa delle agenzie Gsa ed Eea usando i dati satellitari dei sistemi Copernico, Egnos e Galileo per proporre nuove idee per l'agricoltura

farming-by-satellite-claas.jpg

Sistemi Copernico, Egnos e Galileo, fonti di tantissime informazioni utili
Fonte foto: Claas Italia

Claas supporta Farming by satellite, competizione a cura dell'agenzia europea Gnss (Gsa) e dell'agenzia europea dell'ambiente (Eea) rivolta a giovani agricoltori, professionisti e studenti europei operanti negli ambiti dell'Information Technology IT, dell'ingegneria meccanica e delle scienze agrarie. Farming by satellite è un'iniziativa con cadenza annuale che promuove lo sviluppo e l'uso del sistema satellitare globale di navigazione Gnss e di sistemi di osservazione terrestre in agricoltura con l'obiettivo di migliorare la sostenibilità delle attività ed ottimizzare l'impiego delle risorse.

Dal 16 marzo al 15 giugno 2020, gli operatori iscritti possono partecipare alla gara da soli o in squadra servendosi dei dati satellitari - essenziali per il settore primario alle prese con diverse sfide globali - per individuare nuove soluzioni per l'agricoltura che risultino efficaci ed eco-friendly. In particolare, i candidati possono usare i sistemi di osservazione terrestre Copernico, Egnos e Galileo (questi ultimi due basati sul posizionamento satellitare).

"Con Galileo e Copernico, gli agricoltori possono divenire imprenditori esperti di tecnologia, utilizzando dati provenienti dallo spazio per migliorare la qualità della vita" dichiara Pascal Claudel, acting executive director di Gsa. "Abbiamo bisogno di giovani che con il loro spirito innovativo sappiano essere i protagonisti dell'agricoltura sostenibile, cogliendo le opportunità derivanti dalle tecnologie satellitari. Perciò, il nostro obiettivo è aiutarli a raggiungere la soluzione migliore".

I partecipanti giudicati migliori dalla giuria di Farming by satellite si affronteranno in una finale e i tre vincitori riceveranno premi da 5mila, 3mila e mille euro. L'edizione 2020 prevede anche il riconoscimento "Special Africa Prize" da mille euro per proposte che puntano al miglioramento del grado di autosufficienza e al raggiungimento di una modernizzazione sostenibile dell'agricoltura africana.
Per maggiori informazioni, consulta il sito dell'iniziativa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.837 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner