C'è Papermilk, la prima carta al latte

Inventata da Susanna Bonati e realizzata dal Gruppo Cordenons, promette faville anche per la comunicazione. Speriamo aiuti in qualche modo anche il mercato del latte

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

papermilksusannabonati.jpg

Come si presenta un contenitore in PaperMilk

Si prende un po' di latte, qualche fibra di cotone, un pugno di cellulosa, si mescola il tutto con pazienza (ma a dire il vero la cosa è assai più complessa di così) e viene fuori una carta che promette caratteristiche del tutto particolari a iniziare dalla piacevolezza al tatto ma anche morbidezza e resistenza. L'ha inventata Susanna Bonati, creativa non nuova a fantasiose innovazioni come la sua “borsa per la spesa” premiata ad un salone internazionale sull'imballaggio (ma suona meglio in inglese, packaging) di prestigio (ovvero “luxury”). Ora è il turno della carta al latte, subito battezzata PaperMilk, ricorrendo come si fa in questi casi agli inglesismi.

Un aiuto al latte (si spera)
L'idea, racconta Susanna Bonati, si collega agli studi sui tessuti a base di latte (si dice abbiano anche funzioni cosmetiche) e ora PaperMilk si propone come strumento ideale per accogliere e trasferire messaggi al consumatore. Magari per invitarlo, aggiungiamo noi, a bere più latte. Potrebbe essere utile in questa fase di mercato che vede industrie del latte e allevatori arroccati su posizioni contrapposte e incapaci di accordarsi sulla definizione di un prezzo che offra margini a tutti, produttori e trasformatori. Ma forse è chiedere troppo a una carta, anche se fatta con il latte.

Fonte: Agronotizie

Autore: A G

Tag: latte curiosità

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.066 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner