Rinnovo delle stalle di sosta per il miglioramento del benessere animale

Avviato un progetto europeo che rinnoverà 12 punti di sosta su lunga distanza, il coordinamento sarà del Crpa

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

trasporto-animali-pecore.jpg

Rinnovare 12 stalle di sosta per gli animali trasportati su lunga distanza in cinque Paesi, due anni di lavoro per un progetto comunitario da oltre 5 milioni di euro, 3,5 dei quali finanziati dall’Ue.

Si chiama “Renovation and promoting high quality control posts in the European Union” e sotto il coordinamento del Crpa vede il coinvolgimento di 12 Istituti di ricerca e 12 imprese gestori di Posti di controllo in Polonia, Germania, Francia, Spagna e Italia.

Obiettivi del progetto sono:

. Pianificazione ed esecuzione dei lavori per la costruzione e il rinnovamento di 12 stalle e relative attrezzature in cui sostano gli animali trasportati a lungo distanza in Europa;

. Sviluppo di un protocollo internazionale per il benessere di animali durante il trasporto e il carico/scarico di animali;

. Sviluppo degli standard per la messa a punto di un sistema di certificazione qualità dei posti di controllo;

. Messa a punto di un sistema di prenotazione on-line nei posti di controllo;

. Sviluppo di sistemi di e-learning per migliorare il benessere degli animali che sostano nei posti di controllo;

. Divulgazione dei risultati dell'azione mediante manuali, website e una conferenza internazionale.

Questi gli Istituti di ricerca coinvolti: Irta (Spagna), Wageningen University Research (Olanda), Baltic Control (Danimarca), Izs di Teramo (Italia), Univ. Agricultural Sciences (Svezia), Institut d'Elevage (Francia), Friedrich Loeffler Institut (Germania), Warsaw University (Polonia), Institut du Porc (Belgio), Nagref (Grecia).

Il 13 e il 14 gennaio scorsi a Bologna si è tenuta la riunione di avviamento del progetto, che si concluderà il 31 dicembre del 2012.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.325 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner