Bollettino di guerra del 13 gennaio 2022: ultime decisioni Ue del 2021 sui prodotti fitosanitari

L'ennesimo fosforganico che non ce l'ha fatta, nematocidi in bilico

mele-rosse-mela-rossa-by-zoomteam-fotolia-750.jpeg

Il rinnovo dell'approvazione Ue degli insetticidi chimici sta diventando sempre più problematico
Fonte foto: © ZoomTeam - Fotolia

Grazie alle informazioni fornite dalla delegazione polacca, siamo in grado di anticipare alcune decisioni prese nell'ultima riunione dello Scopaff in materia di prodotti fitosanitari, in attesa del resoconto ufficiale che verrà pubblicato come consueto sul portale dedicato.

 

Decisioni prese

Fosmet
La proposta di non rinnovare l'approvazione Ue di questo insetticida fosforganico dopo diversi rinvii è stata approvata a maggioranza qualificata con il voto contrario della Grecia e l'astensione della Polonia. 
Alla fine anche questo importantissimo fosforganico non è riuscito a rispettare i rigidissimi criteri Ue per l'approvazione delle sostanze chimiche, evento che ha suscitato rimostranze da parte di Stati Uniti, Brasile e Cile in sede Wto. Le criticità tossicologiche (rischio inaccettabile per operatori, lavoratori, residenti e astanti, rischio acuto e cronico per il consumatore esposto attraverso la dieta), ed ecotossicologiche (rischio inaccettabile per uccelli e mammiferi, organismi acquatici, api e artropodi non bersaglio) sono state alla fine fatali per il prodotto.

Adesso sono solo due i fosforganici rimasti in Europa (malathion e pirimifos metile): questo significa che per molti usi questo meccanismo di azione non sarà più disponibile, proprio in un momento in cui il riscaldamento globale favorisce la pullulazione delle popolazioni dei fitofagi. Dopo questo diniego, ai notificanti e ai numerosi operatori interessati rimane la carta delle autorizzazioni di emergenza e dei cosiddetti usi essenziali, che tuttavia richiedono la presentazione di documentazione molto approfondita per dimostrare l'indispensabilità del mezzo tecnico. Vista la moria di insetticidi, non dovrebbe essere molto complicato.

Come consueto gli Stati membri dovranno revocare le autorizzazioni rilasciate a livello nazionale entro la scadenza del regolamento che sarà pubblicato nelle prossime settimane.

Bacillus amyloliquefaciens
strain IT 45

Il Bacillus amyloliquefaciens strain IT 45 è stata approvato come sostanza attiva a basso rischio con maggioranza qualificata e una sola astensione. Il prodotto è proposto come fungicida per il controllo dei marciumi del colletto degli agrumi. Nonostante il basso rischio, il rapporto di riesame allerta gli Stati membri di fare attenzione alla protezione degli operatori e di chi è potenzialmente esposto al prodotto per via del potenziale sensibilizzante dei microrganismi in generale.

 

Voti rinviati

Gli attesissimi voti sui nematocidi 1,3-dicloropropene e cloropicrina, entrambi proposti per la non approvazione, sono stati rinviati su richiesta di uno Stato membro che ha la facoltà di interrompere la procedura di consultazione che era stata adottata per questo tipo di decisione. Per quanto riguarda il voto per l'approvazione del microrganismo Beauveria bassiana strain 203 il rinvio è causato da motivi tecnici e non sembrano esservi problemi.

 

Discussioni

Nella riunione si sono anche tenute discussioni preliminari su argomenti che verranno messi in votazione nella riunione prevista per fine gennaio.

  • Linee guida per l'approvazione delle sostanze attive e dei formulati a base di microrganismi
  • Condizioni di approvazione della sostanza attiva sulfoxaflor
  • Estensione di impiego della sostanza di base chitosano
  • Approvazione del virus della Spodoptera exigua isolato BV0004
  • Rinnovo dell'approvazione dell'anidride carbonica
  • Rinnovo dell'approvazione dell'acaricida bifenazate
  • Revoca dell'approvazione dell'isopyrazam

 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

  • Sito della commissione Ue sulle riunioni dei comitati

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.055 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner