Valorizzazione energetica dei residui di potatura di nocciolo

Giornata dimostrativa dei cantieri di raccolta in campo. Carbognano (Vt) località Piani di Ciancaleone, sabato 7 marzo ore 9,30

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

aiel_nocciolo.png
La Regione Lazio, la Provincia di Viterbo, la Confederazione italiana agricoltori di Viterbo, Aelc, Aiel - Associazione italiana energie agroforestali, organizzano per sabato 7 marzo a Carbognano (Vt) in località Piani di Ciancaleone, una giornata dimostrativa in campo sulla valorizzazione energetica dei residui di potatura di nocciolo.
L’iniziativa prenderà avvio alle ore 9,30. Dopo il saluto delle autorità, l’illustrazione delle finalità del progetto e una descrizione tecnica delle macchine utilizzate, sarà il momento della dimostrazione delle macchine operatrici che raccoglieranno tra i filari le potature di nocciolo e le trasformeranno in cippato, a sua volta destinato allo stoccaggio per una prossima valorizzazione energetica.
L’evento è rivolto agli agricoltori e agli operatori del settore della coltivazione del nocciolo, oltre ai tecnici e agli amministratori locali. A conclusione della mattinata è previsto un rinfresco con prodotti tipici. L’iniziativa rientra fra le azioni previste dal progetto Corylus bioenergy promosso dalla Provincia di Viterbo con il sostegno della Regione Lazio e affidato ad Aiel per la sua realizzazione.

Il progetto è stato ideato per rispondere alla richiesta di verificare la fattibilità di una filiera energetica agricola su scala locale, analizzando nel complesso tutti gli aspetti tecnici, economici e di impatto ambientale che intercorrono dall’approvvigionamento fino all’impiego energetico delle potature di nocciolo. Verranno valutati sia gli aspetti logistici e organizzativi della fase di raccolta e trasformazione del residuo di potatura, quanto la qualità del combustibile ottenuto. La sua valorizzazione dal punto di vista energetico, cioè la sua trasformazione in cippato, permetterebbe la creazione di piccole filiere destinate ad alimentare sia impianti a cippato di piccola taglia per la produzione di energia termica, sia impianti industriali per la produzione del pellet.
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.274 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner