Frodi alimentari, la contraffazione vale 1,1 mld

Presentato il Rapporto 2013. Sani: "Solo recuperando il 6% del fatturato dei prodotti agroalimentari italian sounding avremmo una bilancia commerciale in pareggio"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-formaggi-salumi-verdure-by-brebca-fotolia-3744x5616.jpg

L'industria alimentare con 124 miliardi di euro è la seconda manifattura del Paese
Fonte foto: © Brebca - Fotolia

"Quello della contraffazione dei prodotti alimentari e dell’italian sounding continua a essere un problema serio per il sistema agroalimentare nazionale. Soprattutto perché questi due fenomeni incidono pesantemente sul fatturato della nostra industria alimentare, che con 124 miliardi di euro, 25 dei quali provenienti dall’export, è la seconda manifattura del Paese". Così Luca Sani, presidente della Commissione agricoltura della Camera, questa mattina alla presentazione del rapporto 2013 sulle frodi alimentari, presentato dal movimento ecologista Fare Ambiente.

"Dalla stima effettuata dalla Commissione parlamentare sul fenomeno delle contraffazioni – ha aggiunto Sani – la contraffazione alimentare vale 1,1 miliardi di euro, soprattutto sul mercato interno, mentre quello più subdolo dell’Italian sounding, non perseguibile penalmente, raggiunge addirittura lo stratosferico volume di 60 miliardi. Basterebbe recuperare il 6 per cento dell’italian sounding per raggiungere il pareggio la nostra bilancia commerciale agroalimentare. Per contrastare questi fenomeni – ha concluso Sani – la via maestra è quella dell’etichettatura obbligatoria, della registrazione internazionale dei marchi e della lotta integrata fra Stati".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.288 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner